Home | In Sociale | Svolta nella lotta contro il tetano: oltre la metà dei 59 paesi ad alta priorità hanno ottenuto grandi successi
Unicef
Unicef

Svolta nella lotta contro il tetano: oltre la metà dei 59 paesi ad alta priorità hanno ottenuto grandi successi

Il tetano, una delle malattie maggiormente mortali che una madre e un neonato possono dover affrontare, è stato eliminato in oltre metà dei 59 paesi ad alta priorità, hanno oggi annunciato i partner dell’Iniziativa sull’eliminazione del tetano materno e neonatale.
Il tetano uccide un neonato ogni 9 minuti e quasi tutti questi bambini nascono in famiglie povere che vivono nelle aree e nelle comunità più svantaggiate.
La malattia, facilmente prevenibile con un vaccino alla madre, si trasmette al bambino quando nasce in condizioni non igieniche, per esempio quando vengono usati materiali non sterilizzati per tagliare il cordone ombelicale. A questo punto, la vita della madre è altrettanto in pericolo. Con almeno tre dosi di vaccino, dal costo di 2 dollari, una madre il suo bambino sono protetti per 5 anni.
Dal 1999, più di 118 milioni di donne in età fertile sono state vaccinate contro il tetano in 52 paesi. Molte di queste donne hanno ricevuto il vaccino contro il tetano nell’ambito di una campagna integrata che include altri interventi salva vita per i bambini – come vaccinazioni contro morbillo, supplementi di vitamina A, compresse di vermifugo e informazioni sulla cura del cordone ombelicale.
L’annuncio è arrivato durante l’incontro annuale degli stakeholder sull’Iniziativa per l’eliminazione del tetano materno e neonatale.
L’Iniziativa per l’eliminazione del tetano materno e neonatale rappresenta un modello di come i partner possano lavorare insieme per raggiungere risultati. Nel 2000, un anno dopo il suo avvio, oltre 200.000 neonati morivano ogni anno a causa del tetano. Dal 2010, questo numero è sceso a 58.000 ogni anno.
Nonostante i progressi, più di 28 paesi ad alta priorità non hanno ancora raggiunto il traguardo. Questo è l’ultimo grande ostacolo da superare, se vogliamo realizzare lo straordinario obiettivo dell’eliminazione globale del tetano materno e neonatale entro il 2015.
La sfida principale per l’eliminazione globale del tetano materno e neonatale è la difficoltà di raggiungere tutte le comunità a causa di: instabilità dei paesi, barriere culturali, altre priorità, mancanza di verifiche e di fondi.
L’Iniziativa ha un respiro internazionale con partnership tra settore privato e pubblico che includono Governi Nazionali, UNICEF, OMW, UNFPA, GAVI, USAID/Immunization Basics, CDC, Comitati Nazionali UNICEF, Governo del Giappone, Save the Children, PATH, RMHC, Bill e Melinda Gates Foundation, Kiwanis International, Procter&Gamble e BD.
I paesi che hanno eliminato il tetano materno e neonatale sono: Bangladesh, Burkina Faso, Burundi, Cameron, Cina, Comore, Repubblica del Congo, Costa d’Avorio, Egitto, Eritrea, Ghana, Guinea Bissau, Iraq, Liberia, Malawi, Mozambico, Myanmar, Namibia, Ruanda, Senegal, Sudafrica, Tanzania, Timor Est, Turchia, Uganda, Vietnam, Zimbawbe e Zambia.
I paesi che sono ancora impegnanti per l’eliminazione della malattia sono: Afghanistan, Angola, Cambogia, Repubblica Centroafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Guinea Equatoriale, Etiopia, Gabon, Guinea, Haiti, India, Indonesia, Kenya, Repubblica Democratica Popolare del Laos, Madagascar, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Pakistan, Papua Nuova Guinea, Filippine, Sierra Leone, Somalia, Sudan, Sud Sudan e Yemen.

Guarda anche...

unicef

Unicef per Settimana dell’Acqua: 600 milioni di bambini non hanno servizi igienico-sanitari di base a scuola

In occasione della Settimana Mondiale dell’Acqua (26-31 agosto), l’UNICEF rilancia il tema dell’acqua sicura e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi