Home | Tempo d'Europa | Auto, Zanoni (ADLE): l’Italia blocchi subito la vendita delle Mercedes che inquinano
Andrea Zanoni
Andrea Zanoni

Auto, Zanoni (ADLE): l’Italia blocchi subito la vendita delle Mercedes che inquinano

Bruxelles, 22 maggio 2013. L’Italia vieti la vendita dei modelli di automobile Mercedes che contengono sistemi refrigeranti proibiti dalla normativa europea perché causa di riscaldamento globale”. Lo chiede per iscritto Andrea Zanoni, eurodeputato ADLE e membro della commissione ENVI Ambiente al Parlamento europeo, ai ministri italiani allo Sviluppo economico, Infrastrutture e Trasporti, Politiche europee e dell’Ambiente.

Sotto accusa la casa tedesca Daimler, produttore della Mercedes-Benz B-Klasse (immatricolazione 3 agosto 2011), Mercedes-Benz SL (4 novembre 2011) e Mercedes-Benz A-Klasse (8 giugno 2012), l’unico produttore in Europa a rifiutarsi di adottare il nuovo standard di refrigerante “R1234yf”, il cui potenziale di riscaldamento globale è appena 4, un valore che rende questo gas un’alternativa efficace e in linea con lo spirito della direttiva 2006/40/CE di contenere l’effetto serra. L’industria automobilistica italiana è in conformità con la legislazione e sta utilizzando l’R1234yf nei nuovi modelli (l’uso dell’R134a non è consentito ai veicoli omologati dopo il primo gennaio 2011).

Nella sua lettera, Zanoni ricorda ai ministri italiani che la stessa Commissione europea il 18 marzo 2013 ha affermato che “tutti gli Stati membri hanno il preciso obbligo di rifiutare l’immatricolazione di veicoli che non siano in conformità con la legislazione UE in materia di impianti di condizionamento d’aria dei veicoli a motore” e “hanno il preciso obbligo di intervenire nei confronti dei produttori che immettono sul mercato prodotti non conformi con la legislazione UE in materia di omologazione dei veicoli”.

Il refrigerante di vecchia generazione attualmente in uso dalla Daimler ha un potenziale di riscaldamento globale  (GWP) superiore a 1400 mentre quello del R1234yf è di 4”, spiega l’eurodeputato. “La stessa Commissione europea giudica controverse le prove condotte dalla Daimler, che ritiene il nuovo refrigerante pericoloso perché infiammabile, e afferma che i costruttori di veicoli sono ben attrezzati per gestire sostanze infiammabili“.

Le azioni di Daimler, nonché l’incapacità da parte della Germania di affrontare la questione, la dicono lunga sull’attenzione che certe aziende riservano all’ambiente, nonché mettono gli altri produttori che rispettano la normativa europea in una posizione di svantaggio – conclude Zanoni, che invita le autorità italiane a “vietare immediatamente la vendita dei nuovi modelli di Daimler in Italia” ed eventualmente a “esigere che tali vetture immesse sul mercato a partire dal 1° gennaio 2013 siano ritirate”.

 

Guarda anche...

Andrea Zanoni

Zanoni al Commissario UE Ambiente: il disegno di legge italiano sulla caccia fa acqua da tutte le parti

Bruxelles, 29 luglio 2013. “Ho chiesto al Commissario UE all’Ambiente Janez Potocnik di segnalare urgentemente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi