Home | Artisti | RISERVA MOAC: JACKPOT è il nuovo singolo con ERRIQUEZ della BANDABARDO’
RISERVA MOAC
RISERVA MOAC

RISERVA MOAC: JACKPOT è il nuovo singolo con ERRIQUEZ della BANDABARDO’

JACKPOT conferma la mutata vena sonora della band, nettamente più potente e sempre piena di significato. Ospite d’eccezione Erriquez, il frontman della Bandabardò, con la sua inconfondibile voce. Il contributo di uno dei personaggi più in vista del mondo musicale alternativo italiano è un pregio, che conferma la capacità della Riserva Moac di suscitare interesse e partecipazione anche su temi di scottante e scomoda attualità.
In tempi di crisi, quando tutte le certezze precipitano, in molti cedono al richiamo sensualissimo della scommessa. Guadagnare qualche spicciolo in più è una nuova forma di sicurezza. E allora slot machine, gratta e vinci diventano il richiamo ammaliante di una nuova speranza. Quando tutto si fa scuro, quando la noia e la mancanza di stimoli prendono il sopravvento, organizzazioni politico-delinquenti sfruttano la sofferenza con l’inganno di una facile vincita. Sono loro che giocano, e guadagnano, sulla nostra pelle e sul nostro isolamento.
Siamo tutti prigionieri di una nuova Circe ammaliatrice; atipici tossicodipendenti in uno stato di crisi, di precarietà esistenziale e di perenne bisogno. E se la vita ci richiama a casa, se la nostra Penelope si chiede non sempre pazientemente dove siamo, la società del denaro e del consumo ci tiene prigionieri con i suoi stratagemmi, ci fa perdere la ragione e ci essicca come foglie morte. E’ il circolo vizioso del JACKPOT che ci lascia “come un cane che va a letto senza cena”.

Con due dischi all’attivo, un singolo uscito nel 2012 ed un altro in uscita in questi giorni, la Riserva Moac è al lavoro su un nuovo album, presumibilmente in uscita in autunno. Nuove sonorità, stesso entusiasmo! La ricerca sonora che si alimenta delle culture del mondo è sempre il tratto distintivo della band, che trasforma la musica in un vero e proprio abbraccio tra i popoli. Frutto di questa attività instancabile sarà un nuovo tour estivo che toccherà le piazze di tutta Italia sprizzando vitalità ed energia da ogni singolo watt di amplificazione. Già fissate alcune date, visionabili sul sito www.riservamoac.com

La Riserva Moac e il Global social balkan rock nascono nel 2003 con l’obiettivo di abbattere le frontiere del suono e gli steccati della geografia e della storia. Le parole e le note della band sono come martelli pneumatici contro tutti i muri, reali e invisibili, che ancora sopravvivono nel mondo. Moac infatti è l’acronimo di Molise Oriente Africa Cuba: la musica è capace di avvicinare i popoli e renderli meravigliose sfaccettature di un’unica fratellanza globale. Grazie a un grande numero di concerti, ad una notevole collezione di riconoscimenti ed alla costante presenza in molte compilation italiane ed estere, spesso con scopi sociali e umanitari, la Riserva Moac è ora una delle band più importanti nella scena musicale italiana.Consacrata nell’Arezzo Wave 2003, sforna il suo primo cd Bienvenido (Upr – Edel) nell’aprile del 2005. 13 tracce tra passato e presente, tra strumenti della tradizione molisana e sonorità mediterranee, tra folk e rock. L’approdo fondamentale di alcuni dei brani più famosi come Bienvenido en la reserva, Di vedetta sul mondo, Ungaretti fu il concerto del I° Maggio 2006 in una gremitissima piazza San Giovanni a Roma. Ma anche il Festival Interceltique de Lorient, in Bretagna, il FIMU nella città di Belfort (Francia), la Biennale dei giovani artisti di Europa e Mediterraneo, un tour negli USA…Nell’autunno del 2007, un nuovo singolo, Il Riservista, comincia a girare nelle radio, segnando l’inizio di un nuovo tour e nuove esperienze europee come il famoso TFF 2008 a Rudolstadt (Germania), nel quale la Riserva è uno dei gruppi più apprezzati. Nel Giugno del 2009 esce il secondo album La Musica dei Popoli (OTR –Universal). Il suono si compatta e si inspessisce, si fa più forte di prima e la fusione di stili, strumenti e linguaggi è più potente e profonda. L’elettronica e la tecnologia cominciano a soppiantare le componenti più folk, dando vita ad un sound globale, con influenze balkan e parecchio rock. Da questo momento si consolida l’apertura europea del gruppo, mediante la firma di un contratto di distribuzione continentale con Galileo-MC e con LaViola, agenzia di booking tedesca. Ogni anno sono frequenti, quindi, anche concerti in Germania; Norimberga, Amburgo, Lipsia, Dresda, Dortmund, Karlsruhe sono solo alcuni tra i posti in cui la Riserva è passata, lasciando sempre un ottima impressione sia nel pubblico sia nei critici. Il 1 Maggio 2012 esce un nuovo singolo, anticipazione di un tour estivo diverso nello stile sonoro, nella scenografia, nei costumi. MayDay MiDai, questo il titolo, è il biglietto da visita del new concept del Global social balkan rock. Una direzione nuova, un respiro più europeo e una contaminazione ancora più estrema. MayDay MiDai è anche un videoclip distribuito esclusivamente su Youtube.
Oggi nella Riserva abitano, naturalmente senza permesso di soggiorno: Maya Pavone (voce), Fabrizio “Pacha Mama” Russo (voce, chitarre), Roberto Napoletano (percussioni, fisa, voce), Patrizio Forte (basso), Oreste Sbarra (batteria, programmazioni).

Guarda anche...

RISERVA MOAC

Riserva Moac su Radio Web Italia presenta JACKPOT

Riserva Moac ospite ai microfoni di “Interview” – appuntamento musicale di Radio Web Italia – …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi