Home | Tempo d'Europa | Zanoni, risarcimento delle vittime di reati violenti, Italia sotto procedura d’infrazione UE
Andrea Zanoni
Andrea Zanoni

Zanoni, risarcimento delle vittime di reati violenti, Italia sotto procedura d’infrazione UE

Bruxelles, 4 giugno 2013. “In seguito a un’analisi approfondita, la Commissione europea ha avviato nel 2012 un procedimento di infrazione nei confronti dell’Italia per mancata conformità alla direttiva 2004/80/CE e attualmente sta considerando le ulteriori fasi della procedura”. E’ la risposta del commissario UE alla Giustizia Viviane Reding all’interrogazione dell’eurodeputato ALDE Andrea Zanoni, sul risarcimento delle vittime di reati violenti.

Zanoni ha denunciato in Europa la mancanza italiana dopo il caso di una bambina di dieci anni affetta da deficit mentale nel comune di Santa Lucia di Piave (TV), violentata nel 2008 da un clandestino, che non ha mai ricevuto dal suo aggressore l’indennizzo economico stabilito dai giudici. “Sono in contatto con l’avvocato Stefano Pietrobon legale della famiglia della bambina perché ho in programma di attivarmi oltre che con la Commissione europea anche con le commissioni parlamentari competenti in materia”.

Il commissario Reding, nella sua risposta, passa in rassegna il mancato recepimento corretto dell’Italia della direttiva 2004/80/CE relativa all’indennizzo delle vittime di reato. “In base alla direttiva, tutti gli Stati membri dovevano comunicare alla Commissione le disposizioni nazionali di recepimento entro il 1° gennaio 2006”.

“Poiché l’Italia non ha effettuato la notifica entro i termini previsti, nel 2006 la Commissione ha avviato nei suoi confronti un procedimento di infrazione”. In seguito “l’Italia ha ottemperato a tale obbligo comunicando le disposizioni di diritto interno adottate con il decreto legislativo 9 novembre 2007 n°204”. Successivamente, “quando la Commissione ha pubblicato la relazione sull’attuazione della direttiva, le misure di recepimento italiane sono risultate sufficienti a garantire il conseguimento degli obiettivi specifici previsti all’articolo 12”, tuttavia, “sulla base di denunce analoghe a quella presentata dall’onorevole parlamentare e informazioni ricevute negli ultimi anni, la Commissione ha ritenuto opportuno proseguire con la procedura d’infrazione”.

L’articolo 12, paragrafo 2, della direttiva parla chiaro: tutti gli Stati membri provvedono a che le loro normative nazionali prevedano l’esistenza di un sistema di indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti commessi nei rispettivi territori, che garantisca un indennizzo equo e adeguato delle vittime – incalza Zanoni – Ma la legislazione italiana prevede soltanto l’indennizzo delle vittime di alcuni reati intenzionali violenti, quali il terrorismo e la criminalità organizzata, ma non di tutti i reati di quel tipo. Però in Italia i reati più gravi ed efferati sono commessi da singoli ai danni delle categorie più deboli come donne e bambini”.

Ho intenzione di andare fino a fondo in questa faccenda – conclude l’eurodeputato – Lo Stato italiano ha il dovere morale di adempiere a quest’obbligo e contribuire, sia pure in minima parte, ad alleviare le sofferenza delle vittime di questi atroci reati”.

 

 

Guarda anche...

Andrea Zanoni

Zanoni al Commissario UE Ambiente: il disegno di legge italiano sulla caccia fa acqua da tutte le parti

Bruxelles, 29 luglio 2013. “Ho chiesto al Commissario UE all’Ambiente Janez Potocnik di segnalare urgentemente …

Andrea Zanoni

Datagate, Zanoni presenta denuncia alla magistratura italiana

Strasburgo, 3 luglio 2013. L’eurodeputato Andrea Zanoni (gruppo ALDE) ha presentato una denuncia al Tribunale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi