Home | Tempo d'Europa | Caro benzina, Morganti, bene presa di coscienza da UE su speculazione in Italia
Claudio Morganti
Claudio Morganti

Caro benzina, Morganti, bene presa di coscienza da UE su speculazione in Italia

Bruxelles, 4 giugno 2013. «Bene che la Commissione europea sia disposta a intervenire “contro l’abuso di posizione dominante sui mercati dei carburanti al dettaglio”, “direttamente o in coordinamento con l’Autorità italiana garante della concorrenza». L’eurodeputato indipendente ELD Claudio Morganti commenta favorevolmente la risposta dell’Esecutivo UE a una sua interrogazione parlamentare, in cui portava all’attenzione dell’Europa la recente indagine condotta dalla Guardia di Finanza e Procura di Varese riguardo al comportamento speculativo delle imprese petrolifere per mantenere alti i prezzi dei carburanti ai distributori. Un fenomeno che, secondo l’europarlamentare, «violerebbe le leggi della libera concorrenza nel mercato UE».

«Ė importante che la Commissione abbia preso atto del problema», ha dichiarato Morganti. «Dall’indagine l’Autorità italiana garante della concorrenza ha rilevato che in effetti sono cambiati gli equilibri in questo settore, per l’eliminazione di determinate barriere amministrative all’accesso al mercato, la diffusione di impianti self-service per promuovere le riduzioni dei prezzi al dettaglio, l’incoraggiamento di nuove iniziative senza marchio, da parte dei grandi distributori alimentari, e il lancio di campagne tariffarie temporanee».

«L’Autorità – ha sottolineato l’eurodeputato – ritiene che per destabilizzare la struttura oligopolistica attuale sarebbe necessario, ad esempio, favorire l’ingresso di operatori aggressivi ed efficienti, fra cui reti senza marchio».

«Mi auguro che non si debba arrivare all’intervento dell’UE e che le nostre compagnie petrolifere inizino a comportarsi in modo più responsabile, nel rispetto dei cittadini, per cui la continua altalena del prezzo dei carburanti è l’ennesimo salasso da evitare in un momento come questo. Non ci dimentichiamo – ha concluso Morganti – che molte famiglie italiane sono costrette al car-sharing perché non possono permettersi di pagarsi la benzina».

 

 

 

 

 

Guarda anche...

Claudio Morganti

Esodati: Morganti, Commissione UE dica come tutelare la loro dignità

Bruxelles, 1 maggio 2014. “In Italia ci si è dimenticati degli esodati. Come ogni problema …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi