Home | In Cultura | Ciclonatura: 30 anni di storia in bici nel Parco Nazionale del Circeo
Parco Nazionale del Circeo
Parco Nazionale del Circeo

Ciclonatura: 30 anni di storia in bici nel Parco Nazionale del Circeo

Talvolta diventa complesso raccontare delle origini! Infatti, tutto si blocca nella mente e la narrazione non sembra defluire come se ci fosse qualcosa che trattiene il tutto. Oggi, in occasione del trentesimo compleanno della Ciclonatura, “la classica” della bicicletta all’interno del Parco del Circeo, tutto diventa più semplice e lineare nella ricostruzione delle sue origini.
A Borgo Vodice, in casa di Eugenio Cervellin, rivedo seduti sul divano, accanto al dirigente del Gruppo Sportivo omonimo, le esemplari figure di Enrico Ortese, Direttore del Parco del Circeo, e di Ettore De Villa, Presidente dell’AVIS, insieme al sottoscritto, in rappresentanza del Comune di Sabaudia, ed altri, in primis Renato di Borgo Hermada, nella sua veste di appassionato delle due ruote anche come ispiratore di alcuni elementi del disegno originario, quello in cui si vedono due ciclisti che si muovono pedalando abbracciandosi in modo amichevole e gioioso. Tutti protagonisti davvero festosi come se stessero inaugurando l’invenzione di un’opera senza eguali. E per un certo verso a distanza di 6 lustri così è davvero accaduto!
In occasione della prima passeggiata tra le bellezze del Parco Nazionale, mai si erano contate tante biciclette tutte insieme, accostate le une alle altre con altrettanta gente felice di percorrere i posti più interni della foresta demaniale. 30 anni fa è nato così l’appuntamento con la festosa biciclettata in mezzo ad una natura così effervescente e suggestiva. Partenza dal Centro del Parco, una breve sosta nella piazza principale di Sabaudia per i saluti di rito, e poi via in fila verso il lungomare per poi rientrare verso l’interno, a Sacramento, perciò dalla via Litoranea deviazione dentro la foresta a contatto della ricca vegetazione e delle bellezze naturalistiche. Dopo, una sosta ricreativa in località Cerasella, e perciò, la ripresa del cammino in bici all’interno della riserva per dirigersi alla volta della direzione del Parco, il punto da dove era partita l’intera comitiva. Tutto sotto l’attenta scorta dei corridori del gruppo sportivo Cervellin e sotto la vigile guida degli agenti del Corpo Forestale dello Stato.
A distanza di 30 anni, dopo la positiva e amena pedalata di domenica 2 giugno 2013, sarebbe opportuno intersecare tante belle storie e altrettanti piacevoli ricordi, citando anche sostenitori di spessore come Alfonso Alessandrini, l’allora Direttore del Ministero Agricoltura e Foreste, comunque intendiamo portare avanti il concetto che manifestazioni come la Ciclonatura dovranno sempre ripetersi perché è in questo modo che si riesce a vivere la vera natura di questi luoghi magnifici e incantevoli. Alcuni personaggi dalla spiccata sensibilità lo hanno permesso e per questo vogliamo credere che la Ciclonatura ci sarà sempre per la gioia dei più grandi e dei più piccini, delle donne e degli uomini, di un mondo che crede e ringrazia di fronte alla scoperta di avvenimenti di tale valenza!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi