Home | Tempo d'Europa | Il futuro è nella guerra, monologo per uno spettatore alla volta, a lume di cannone
Futura Festival
Futura Festival

Il futuro è nella guerra, monologo per uno spettatore alla volta, a lume di cannone

Bruxelles, 25 luglio 2013. Avrà luogo sabato prossimo, 27 luglio 2013, alla Vecchia Pescheria di Civitanova Alta, Il futuro è nella guerra, monologo per uno spettatore alla volta, a lume di cannone, all’interno del “Futura Festival” di Civitanova Marche, in provincia di Macerata (http://www.futurafestival.it/).

Dalle 17.00 alle 24.00, Edoardo Ripani, ben noto negli ambienti teatrali del Belgio, reciterà un monologo su precariato e autonomia.

Nuovi terziari avanzano. Grazie all’industria pesante, l’unica affidabile per i nostri PIL.

E allora che fare? Lavorare per vivere o vivere per lavorare?

Bipolarismo di una società che crea soggetti bipolari. Belli fuori, marci dentro. Non ci resta che morire, in prima fila, in prima pagina, in prima linea. E chissenefrega del politically correct.

Un monolo-ghetto dedicato ai lavoratori interinali. In un mondo precario dove i Balcani entrano in Europa mentre l’Europa si balcanizza, ci rimane una sola certezza: il futuro è nella guerra.

Il suono sarà a cura di Riccardo Amabili.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi