Home | In Sociale | UNICEF: corsa per aiutare migliaia di siriani nel nord dell'Iraq
UNICEF
UNICEF

UNICEF: corsa per aiutare migliaia di siriani nel nord dell'Iraq

L’UNICEF ed i suoi partner continuano a mobilitarsi per soddisfare i bisogni più urgenti di migliaia di siriani fuggiti in Iraq. Il nuovo ponte a Peshkhabour nel nord dell’Iraq, nel governatorato di Dahuk, ha visto da giovedì migliaia di siriani attraversare il fiume Tigri. Delle circa 4.800 persone che ieri hanno varcato il confine dalla Siria per raggiungere questa regione irachena almeno 2.100 erano bambini. Molti hanno meno di 12 anni, ed i più piccoli erano particolarmente disidratati ed esausti, dopo quattro o cinque ore di cammino attraverso il confine nel caldo torrido.
“Il nostro personale presente presso il valico di Peshkhabour nel nord dell’Iraq ci informa che molti dei nuovi arrivati ​​sono esausti e hanno urgente bisogno di acqua e riparo da temperature estive che raggiungono i 45 gradi” ha detto il Rappresentante dell’UNICEF in Iraq Marzio Babille. “Insieme ai nostri partner, stiamo facendo il possibile per assicurare che tutti i bisogni di queste nuove persone arrivate ​​siano immediatamente soddisfatti”.
Finora, l’UNICEF e il partner locale Harikar hanno distribuito da giovedì più di 125.000 litri di acqua in bottiglia presso Peshkhabour e 4 cisterne di acqua potabile per coprire ulteriori necessità.
L’UNICEF, il Dipartimento locale per gli Affari Sociali e l’ACTED stanno anche sostenendo l’UNHCR e l’IRC presso il valico per fare in modo che bambini non accompagnati o separati (dalle famiglie) siano identificati, registrati e dotati di tutto il sostegno necessario. Da domenica, almeno 80 bambini sono stati identificati come separati o non accompagnati. Molti di loro sono giovani adolescenti mandati lungo il confine dalle loro famiglie per cercare sicurezza, o per trovare lavoro. Finora nessuna ragazza non accompagnata è stata registrata. Un team di protezione dei bambini è al confine per identificare i bambini separati o non accompagnati, per assicurarsi che essi siano registrati con l’UNHCR e che continuino a ricevere aiuto anche nelle destinazioni finali. Molti dei nuovi rifugiati affermano di volersi riunire con le famiglie nel campo di Domiz, che sta già operando al doppio della sua capacità.
L’UNICEF ha anche messo a disposizione 60.000 litri di acqua in bottiglia e 20.000 biscotti per bambini sotto i 5 bambini, da distribuire tra i circa 3000 profughi rifugiati a Kawargosh, punto di transito vicino Erbil. La stragrande maggioranza di coloro che attraversano il confine sono bambini, donne e persone anziane.
Attraverso i suoi partner, l’UNICEF sta anche provvedendo alla raccolta dei rifiuti solidi e la spazzatura.
Le autorità locali stanno fornendo servizi sanitari di emergenza a Peshkhabour e hanno messo a disposizione centinaia di autobus per il trasporto dei rifugiati a Dahuk, Erbil e Suleimanyah.

Emergenza Siria, donazioni all’UNICEF tramite:
– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Siria”
– carta di credito online sul sito www-unicef.it, oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Siria”

Guarda anche...

pigotta-unicef

Unicef. Torna la Pigotta con tante novità da scoprire il 9 e 10 dicembre in quasi 400 piazze in tutta Italia

Questo Natale, come ogni anno, torna la Pigotta, la bambola di pezza dell’UNICEF, con tante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi