Home | Tempo d'Europa | Giornalisti del Mediterraneo, in gara i reportage per raccontare la solidarietà
Otranto
Otranto

Giornalisti del Mediterraneo, in gara i reportage per raccontare la solidarietà

Otranto (Le). “Giornalisti del Mediterraneo”, la giuria è impegnata a valutare i reportage e le inchieste giunte alla 5° edizione del premio, per poi decretare i vincitori, che riceveranno l’ambito riconoscimento sabato 7 settembre a Otranto, in quel Salento candidato al premio Nobel per la Pace nel 1999 da La Gazzetta del Mezzogiorno.

“Sul Mediterraneo percorso da mille lampi di guerra il Salento è l’approdo di pace per donne sfuggite agli stupri, per bambini senza madri, per uomini scampati alle fosse comuni. Il Salento è la porta aperta in un mondo di porte chiuse”. Così scriveva l’allora direttore Lino Patruno, oggi presidente di giuria del concorso, a cui è stata concessa la medaglia di bronzo del Presidente della Repubblica.

L’evento, organizzato dall’associazione “Terra del Mediterraneo” in collaborazione con il Comune di Otranto ed Europuglia – portale di promozione delle attività e dei progetti del Servizio Mediterraneo della Regione Puglia – gode del patrocinio istituzionale delle Ambasciate di Romania, Croazia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, dell’Assessorato al Turismo e Cultura della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, del Corpo consolare di Puglia, Basilicata e Molise e dell’Istituto Isiamed, nonché del Centro europeo di giornalismo di Maastricht.

Forte la competizione, come dimostrano i lavori in concorso provenienti da giornalisti di testate nazionali e internazionali: La Stampa, RSI Radiotelevisione Svizzera, La Repubblica, The Indipendent, Radio Rai 3, Il Manifesto, TGR Rai, Euronews, Liberazione, Rai Educational, Marie Claire, La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Venerdì di Repubblica, La Gazzetta dello Sport.

“In un mondo sempre più multietnico, in cui locale e globale tendono a sovrapporsi – spiega Tommaso Forte, giornalista e ideatore del concorso – storia e cultura di ogni comunità devono essere valorizzate al fine di  integrarsi reciprocamente”.

“La città – aggiunge Luciano Cariddi, sindaco di Otranto – è pronta a ospitare l’evento in una scenografia autentica. La nostra è una terra di accoglienza, in cui la fratellanza e la solidarietà sono nella nostra cultura politica”.

Il premio “Caravella del Mediterraneo” sarà conferito ad Aldo Maria Valli (Vaticanista Rai), Marcello Favale (Rai TGR Puglia), Francesco Giorgino (Rai TG1), Antonio Della Rocca (Corriere del Mezzogiorno), Alessandro Barbano (Il Mattino), Giuseppe Borsellino (Italpress), Alba Malltezi (Free and Fair media Group – Albania), Silvana Gaudio (Ansa), Pino Pisicchio (editorialista), e Daniele Vicari, regista de “La nave dolce”.

 

 

 

 

 

 

Guarda anche...

rifugiati

Crisi dei rifugiati nell’UE: “Il ricollocamento è un nostro dovere morale e politico”

Il dramma dei migranti che rischiano la vita per attraversare il Mediterraneo ha scosso l’Europa …

silvia-costa

Cultura Ue, Silvia Costa: “Chiesti più fondi, meno burocrazia e apertura verso il Mediterraneo”

Aumento di bilancio, integrazione con gli altri programmi pluriennali, alleggerimento burocratico, procedure di valutazione più …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi