Home | In Sociale | Naufragio: Iacomini "E' emergenza umanitaria in Italia"
Strage a Lampedusa
Strage a Lampedusa

Naufragio: Iacomini "E' emergenza umanitaria in Italia"

Oggi, come accade spesso per le tragedie annunciate, siamo tutti costernati da ciò che abbiamo visto a Lampedusa. Eppure da mesi, ripetiamo che il Mediterraneo è divenuta la tomba per tante, troppe, innocenti vite umane che fuggono da emergenze di ogni genere cui si è andata ad aggiungere quella siriana che, nella sola zona di Siracusa per fare un esempio, ha portato quest’anno ad un aumento esponenziale degli sbarchi da 1200 a 9000” Lo afferma in una nota Andrea Iacomini Portavoce dell’UNICEF Italia”. “Proprio nella mia recente visita nei  Centri di prima Accoglienza siracusani” prosegue “ho potuto rendermi conto in prima persona della necessità di una più forte e incisiva politica dell’accoglienza che preveda sistemazioni più congrue e nel rispetto della dignità umana dei Centri di prima accoglienza che vanno rafforzati specie quando devono accogliere minori e minori non accompagnati” – Voglio dirlo con molta chiarezza” continua Iacomini “Gran parte dei siriani hanno piani di immigrazione ben strutturati già in patria, che prevedono la sosta in Italia per poche ore, al massimo 48, per poi partire alla volta di Germania, Svezia, Francia luoghi che garantiscono un’accoglienza in sicurezza. Sono le altre umanità, quelle che arrivano nei nostri porti con barconi insicuri, alla mercè di scafisti senza scrupoli, che vanno tutelate. Etiopi, eritrei, somali, senegalesi, egiziani e tanti giovani e famiglie che fuggono dall’africa subsahariana vanno accolte in maniera preventiva, con strumenti di identificazione più incisivi e all’avanguardia” –  “ L’Italia, non possiamo più nasconderlo” conclude “vive un’emergenza umanitaria che non è più solo un problema del Governo ma deve riguardare l’Europa. Confido proprio nella sensibilità europea del Presidente Letta per  “battere la scarpa” in sede UE, come fece Krusciov tanti anni fa, per affermare in via definitiva tutte le difficoltà del nostro paese nell’affrontare da solo questa emergenza soprattutto perché riguarda centinaia di bambini disperati che devono poter arrivare sulle nostre coste ed essere accolti in condizioni migliori e in maggior sicurezza. Basta morti”.

Guarda anche...

Unicef

Unicef: torna l’iniziativa dell’Orchidea i prossimi 21 e 22 aprile in oltre 2.200 piazze

Il prossimo fine settimana, 21 e 22 aprile, in oltre 2.200 piazze in tutta Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi