Home | Roma | Scout Niblett, torna in Italia per quattro date
Scout Niblett
Scout Niblett

Scout Niblett, torna in Italia per quattro date

La pupilla di Jason Molina e Steve Albini torna in Italia per quattro date per presentare il nuovo album It’s Up To Emma, uscito per Drag City a maggio.

Emma Louise Niblett (nata il 29 September 1973), meglio nota col nome Scout Niblett, è una cantante, cantautrice e polistrumentista inglese. Niblett ha debuttato nel 2001 con l’album Sweet Heart Fever e ha realizzato altri 4 album nei successivi nove anni, collaborando con artisti del calibro di Steve Albini, Chris Saligoe, Will Oldham e Kristian Goddard e affermandosi come una delle autrici più ispirate, viscerali e significative della sua generazione.

“It’s Up To Emma” colpisce per lo stile crudo, aggressivo, senza filtri e mediazioni ed esprime quella visceralità diretta che caratterizza tutti i lavori della Niblett.

Di origini inglesi, ma di base a Portland, questa cantante produce ora uno dei meno rassicuranti break-up album degli ultimi tempi: devastante, ma senza la dolcezza della nostalgia. È guardare un incendio, è buttare giù le mura di un appartamento, con il dolore delle schegge conficcate nel palmo della mano, è comprare una pistola per uccidere il proprio amore (“Gun”). Ma ancora di più: è la fine che non lascia la possibilità di aggiustare le cose, “It’s up to Emma” è doloroso come sopravvivere alla distruzione e capire che alla fine si andrà anche avanti. You took your love away from me | and I am thankful, everyday, dice nella prima traccia, You can’t fool me for too long in quella successiva, anzi we fool ourselves for too long, che è probabilmente peggio. È questo il problema, sopravvivere agli edifici fino a vederli diventare rovine, vedere che le relazioni vanno avanti senza significare altro, che le persone tornano, ma forse non vuol dire niente. Che forse il peggio non è farsi distruggere, è non provare più niente. Di questo parla “It’s up to Emma”, suonando a metà strada tra le Pj Harvey e Cat Power degli anni ‘90, quelle di “To bring you my love” o “Rid of me” e “Myra Lee”. Intanto Pj Harvey e Cat Power hanno spostato le loro sonorità altrove, mentre Scout (il nome viene da “Il buio oltre la siepe”) ci ricorda una stagione che forse non è mai passata.
A metà del disco appare poi una cover bellissima di “No scrubs” delle TLC, minimale e dolorosa – con il suo No, I don’t want your number | I don’t wanna give you mine | I don’t wanna meet you no-where | I don’t wanna waste my time, che si afferma come uno dei brani migliori dell’album.

16 novembre 2013 – Torino – BLAH BLAH
17 novembre 2013 – Roma – Circolo Degli Artisti
18 novembre 2013 – Milano – 75BEAT
19 novembre 2013 – Ravenna – Bronson

Scout Niblett
Scout Niblett
Scout Niblett
Scout Niblett

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi