Home | In Sociale | Unicef: fondamentale vaccinare i bambini siriani
Unicef
Unicef

Unicef: fondamentale vaccinare i bambini siriani

Durante una missione di due giorni nella Repubblica Araba Siriana, il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake ha sottolineato le sfide drammatiche che centinaia di migliaia di famiglie siriane stanno affrontando, in un contesto di disordine economico, disgregazione sociale e peggioramento delle condizioni di sicurezza. Nella Repubblica Araba Siriana circa 6,8 milioni di persone sono state colpite dal conflitto, tra questi più di 3 milioni sono bambini, mentre circa 2 milioni di bambini sono sfollati all’interno del paese.
L’ assistenza sanitaria di base è stata fortemente colpita dal conflitto in corso. Secondo il Ministero della Salute, da luglio 2013, il 60% degli ospedali pubblici e il 34% dei centri sanitari sono stati danneggiati. E’ stata riscontrata anche carenza di personale medico; in molte aree, compresa quella di Homs, il 50% dei medici ha lasciato il paese.
Il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake ha lodato gli sforzi dei partner nazionali, della comunità, delle organizzazioni locali e dei volontari nell’aver garantito assistenza umanitaria ai bambini e alle donne siriani più a rischio. L’accesso ai bambini e alle famiglie in alcune aree sta diventando sempre più difficile, comprese quelle effettivamente isolate – causando un forte impatto sui bambini che stavano ricevendo le vaccinazioni. L’OMS ha confermato 10 casi di polio nella parte orientale del paese.
“Vaccinare i bambini di per sé non ha natura politica, né alcuna connessione con considerazioni militari”, ha dichiarato Lake. “Con l’emergere di casi di polio in Siria, per la prima volta dal 1999, raggiungere ogni bambino con vaccini contro la polio e altre malattie non è solo una priorità cruciale per la Siria ma per il mondo intero”.
L’UNICEF e l’OMS stanno supportando una campagna di vaccinazione del Ministero della salute. “La campagna vuole raggiungere 2,4 milioni di bambini con vaccini salvavita, tra cui 1,6 milioni di bambini sotto i 5 anni con vaccini antipolio”, ha detto Iman Bahasi, Specialista sanitario UNICEF per la Repubblica Araba Siriana, che ha accompagnato Lake durante la visita.
Nel 2013, l’UNICEF e i suoi partner hanno supportato la vaccinazione di oltre 1 milione di bambini contro morbillo, parotite, rosolia e polio. L’UNICEF ha anche assicurato a 10 milioni di persone accesso ad acqua pulita e potabile.
Durante la visita, Lake ha incontrato madri e bambini, oltre ai giovani volontari della Mezza Luna Rossa Siriana, che ha ringraziato per il coraggio e i sacrifici che affrontano ogni giorno. L’UNICEF sta lavorando con i suoi partner in tutto il paese per assicurare che l’ assistenza di emergenza venga ampliata, dove possibile, dati vincoli di sicurezza e capacità.

Emergenza Siria, donazioni all’UNICEF tramite:
– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Siria”;
– carta di credito online sul sito www-unicef.it, oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Siria”.

 

Guarda anche...

pigotta-unicef

Unicef. Torna la Pigotta con tante novità da scoprire il 9 e 10 dicembre in quasi 400 piazze in tutta Italia

Questo Natale, come ogni anno, torna la Pigotta, la bambola di pezza dell’UNICEF, con tante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi