Home | Firenze | Da Brooklyn a Firenze, la chitarra visionaria e iconoclasta di Kaki King
Kaki King
Kaki King

Da Brooklyn a Firenze, la chitarra visionaria e iconoclasta di Kaki King

Il pubblico italiano la ama e lei ricambia. Non è un mistero che Kaki King abbia con il nostro Paese un legame privilegiato, con ben 40 date tenute in Italia tra il 2009 e il 2012. Un rapporto che si consolida con il nuovo tour che la porta mercoledì 6 novembre sul palco del Tender Club di Firenze (ore 22 – biglietto 15 euro), dove l’artista di Atlanta con base a Brooklyn si esibirà in un unplugged solo.

In primo piano i brani del nuovo album “Glow”, una raccolta evocativa ed esuberante di paesaggi sonori, brillante, ricco di inventiva e straordinariamente ispirato. Registrato con il tecnico del suono D. James Goodwin nel clima bucolico dell’Isokon Studio di Woodstock (NY), “Glow” si avvale di una produzione meno patinata in favore di un sound fluido nel quale l’estro dell’artista possa esprimersi al pieno delle sue potenzialità.

Dagli echi di musica da camera di “Great Round Burn” alle suggestioni celtiche di “King Pizel”, l’album abbraccia una combinazione di stili diversi per sfoggiare l’eclettico talento compositivo di Kaki. Le accordature non convenzionali, gli arrangiamenti orchestrali ad opera del quartetto d’archi newyorkese ETHEL, e le tecniche percussive insolite sono tutti al servizio della protagonista assoluta del disco, la chitarra riverberata.
L’album, interamente strumentale, segna una sorta di nuovo inizio nel percorso artistico della musicista attraverso un ritorno alle origini, a partire dalla riscoperta del rapporto simbiotico con la sei corde.
Artista visionaria e iconoclasta, in dieci anni di carriera Kaki King ha ridefinito il ruolo del musicista solista, esplorando le differenti possibilità del suo strumento e cercando soluzioni sempre nuove, al di fuori dei canoni predefiniti. Dagli esordi nel 2002 con “Everybody Loves You” – a oggi il suo unico disco completamente in acustico – , King ha sempre sovvertito le aspettative realizzando una serie di album ciascuno dei quali costituisce un genere a sé.
Un talento che le è valso riconoscimenti da più parti, dalle collaborazioni con artisti del calibro di Timbaland e Foo Fighters, alla partecipazione a colonne sonore di film e serie tv – come nel pluri-premiato “Into The Wild” di Sean Penn, per il quale ha ottenuto una nomination ai Golden Globe – fino ai numerosi tour mondiali di fronte a un pubblico sempre crescente.

KAKI KING
in concerto
Mercoledì 6 novembre – ore 22
Tender Club – via Alamanni, 4 – Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi