Home | Firenze | Le serate international al Tender di Firenze
Amarins Moon
Amarins Moon

Le serate international al Tender di Firenze

Amarins Moon in concerto al Tender di Firenze: Galeotto fu il Sud-America per Amarins Romkema, cantautrice e attrice olandese, già alla corte dell’amatissima Lucky Fonz III. Tornata in quel di Amsterdam, Amarins ha messo mano alla sua band. Non una spolverata, ma una vera rivoluzione.
Nuovo nome, nuovo sound, nuovi brani e nuovo tour. Quindi? Quindi eccola al Tender con la creatura Amarins Moon in collo. Le atmosfere scanzonate delle “Gatte Nere”- precedente moniker – hanno lasciato il posto ad un suono più teso, ritmiche dilatate e spezie gypsy.
E poi, ballate folk in salsa agrodolce, perle pop e altre ciliegine. Un sound subito etichettato come il passo verso la “maturità artistica”. Ma se chiedete alla diretta interessata vi parlerà di “Bestie a caccia di silenzio, case vuote dove è passata la vita, balene che cantano l’amore… Guardando le immagini che non ci sono ancora, invitando orsi a passare il letargo in casa per resistere il freddo”.
Al freddo resistono benissimo i Woken Trees, post-punk band che arriva da Tversted, Danimarca. Anche loro sono della serata, per deliziarci con una combinazione di noise e dark che vanta già importanti avvistamenti come quello al Liverpool International Festival of Psychedelia. Dopo il concerto il mestolo passa a Fritz Orlowski dj. E’ sempre un bel sentire.
Giovedì 14 novembre 2013 – ore 21,30 – Tender Club
via Alamanni, 4 – Firenze – ingresso concerto 5 euro – a seguire ingresso libero
AMARINS MOON
Supporter THE WOKEN TREES
Aftershow dj-set: Fritz Orlowski dj – ingresso gratuito
—————————————————————–
Venerdì 15 novembre 2013 – ore 21,30 – Tender Club
via Alamanni, 4 – Firenze – ingresso concerto 5 euro – a seguire ingresso libero
PRETTY & NICE
Aftershow dj-set: Fulci dj – ingresso gratuito

Non sparate sul pop-rock! Almeno non quello dei bostoniani Pretty & Nice, genuinamente gioioso e sperimentale, nato sotto verande soleggiate della periferia urbana. Perfetto per portare una ventata di energia al venerdì Tender di questa settimana.
Tre album, belle recensioni, centinaia di concerti su e giù per gli States – anche con gli amici Built to Spill, Miniature Tigers, The Thermals e Jukebox the Ghost – e pure un paio di tour nel vecchio continente, dove mancano da quattro anni.
Evidentemente avevano parecchio da fare, i quattro del Massachusetts.
Tipo il nuovo album “Golden Rules for Golden People”, uscito la scorsa primavera. Che è un po’ come dire i New Pornographers a chiacchiera con i Field Music mentre la radio passa gli XTC dei bei tempi. Approccio indie ma anche riff angolari in perfetto stile ’80. Atmosfere sfocate e cori surf, power pop e chitarre acustiche… E potremmo andare avanti per settimane. Venite a vederli. Che facciamo prima.
—————————————————————

Sabato 16 novembre 2013 – ore 21,30 – Tender Club
via Alamanni, 4 – Firenze – ingresso concerto 5 euro – a seguire ingresso libero
THE UNDERGROUND YOUTH
+ NICK POWER Dj set (THE CORAL)
Aftershow dj-set: MACCA & DELI – ingresso gratuito

Manchester-Liverpool andata e ritorno.
E’ un sabato dannatamente brit quello che va in scena al Tender. Concerto e dj-set, The Underground Youth e Nick Power dei Coral. Si tira tardi, avvisati.
Procediamo con ordine. Gli Underground Youth sono stati svezzati con pappine marca Velvet Underground, Bob Dylan e The Jesus and Mary Chains. Niente di strano che quando hanno deciso di imbracciare gli strumenti sia venuto fuori un post-punk imbevuto di shoegaze, un rock garage dichiaratamente psichedelico che viaggia nel tempo e negli stili. Risultato? Boom! Sei album in cinque anni, un milione di click su Youtube, lunghe interviste, belle foto e centinaia di concerti. Il tour italiano che porta in Italia Craig Dyer e comagnia segue l’uscita dell’album “The Perfect Enemy for God”, altro colpo ben assestato, grazie anche al singolo “Rodion”.
Dal palco alla consolle, da Manchester a Liverpool, eccoci a Nick Power, cantante, chitarrista e tastierista di una delle band più influenti dell’indie-sound del terzo millennio, i grandiosi The Coral. Stavolta Nick lascia a casa gli strumenti e si porta dietro un bel campionario di vinili. Per un dj-set che attraversa la musica più ricercata dai ’60 ai giorni nostri, dalla psichedelia al beat, dal punk 70 al puro rock’n’roll, con una spruzzata di ritmi hip hop e ska giamaicano.
E la brit invasion continua con Macca & Deli

Amarins Moon
Pretty & Nice
The Underground Youth
The Woken Trees

Guarda anche...

JoyCut

JoyCut in concerto al Tender di Firenze

Hanno aperto i concerti degli Editors, diviso il palco con Arcade Fire e partecipato a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi