Home | Tempo d'Europa | Da Jannis Kounellis a Michelangelo Pistoletto, da Carla Accardi a Giosetta Fioroni: l’omaggio dei grandi artisti a Pier Paolo Pasolini
Pier Paolo Pasolini
Pier Paolo Pasolini

Da Jannis Kounellis a Michelangelo Pistoletto, da Carla Accardi a Giosetta Fioroni: l’omaggio dei grandi artisti a Pier Paolo Pasolini

Bruxelles, 30 novembre 2013. Dopo lo straordinario successo di pubblico e critica riscosso a Roma, una parte delle opere della mostra PPP. Una polemica inversa. Omaggio a Pier Paolo Pasolini” saranno esposte  all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, il prossimo  6 dicembre.

“PPP. Una polemica inversa” è il tentativo di rendere omaggio, attraverso la comunione fra poesia e arte, alla figura di uno fra i più grandi intellettuali del novecento europeo: Pier Paolo Pasolini.

Al centro del progetto l’opera poetica di Pasolini: vari componimenti in versi tratti da Le ceneri di Gramsci, La religione del mio tempo, Poesia in forma di rosa, Trasumanar e organizzar, sono stati rielaborati creativamente da due generazioni diverse di artisti, alcuni fra i più importanti pittori, scultori e fotografi operanti nel panorama italiano e internazionale: Claudio Abate, Carla Accardi, Matteo Basilé, Laura Canali, Giuseppe Capitano, Rocco Dubbini, Giosetta Fioroni, Jannis Kounellis, Nunzio, Michelangelo Pistoletto, Oliviero Rainaldi, Pietro Ruffo, e Sten & Lex.

L’obiettivo è quello di attivare, per il fruitore, uno spazio virtuoso intorno al cui asse ruoteranno l’ispirazione poetica e la creatività artistica in un continuo rimando di suggestioni, simboli, concetti e creazioni estetizzanti che si fanno impressione e visione.

Venerdì 6 dicembre, alle ore 19.30, il direttore dell’IIC di Bruxelles Federiga Bindi, il critico d’arte Achille Bonito Oliva,  la giornalista Giuseppina Paterniti, corrispondente RAI 3 da Bruxelles,  e il curatore della mostra Flavio Alivernini, presenteranno il volume PPP. Una polemica inversa” (Editore Fandango Libri, 2012, euro 20,00) e introdurranno i visitatori alla visione della mostra presenziando all’apertura delle sale espositive.

«In un’epoca come la nostra – afferma Achille Bonito Oliva nel suo saggio critico contenuto in catalogo – in un momento così difficile del nostro vivere in cui la politica si è fatta espropriare dall’economia e l’economia dalla finanza, la comunione tra il verbo poetico di Pasolini ed il deposito iconografico degli artisti può indicare la speranza ed il sospetto di un futuro migliore».

«Abbiamo pensato questa manifestazione – ha scritto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nella prefazione – come un’occasione per mischiare, nel segno dei suoi versi, linguaggi e persone, artisti e generazioni. E credo davvero che questo approccio libero e aperto rispetti profondamente una delle caratteristiche più particolari di Pasolini: tra i grandi intellettuali italiani del Novecento, non ce n’è stato uno più eclettico, uno così affamato di libertà espressiva e varia umanità. Questa mostra è anche un riconoscimento non formale o retorico ad un uomo che con le istituzioni ebbe un rapporto coraggiosamente  conflittuale».

Per tutta la durata della mostra sarà possibile assistere alla proiezione del film “La rabbia di Pasolini”, ipotesi di ricostruzione del film originale di Pier Paolo Pasolini realizzato da Giuseppe Bertolucci da un’idea di Tatti Sanguineti (Luce Cinecittà con Minerva Raro Video)

L’iniziativa si avvale del supporto di un comitato scientifico formato da Carla Benedetti, Achille Bonito Oliva, Gianni Borgna e Dacia Maraini. Ideata e organizzata dall’Associazione culturale Teorema in collaborazione con il Progetto ABC della Regione Lazio, è stata realizzata con il patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e della Regione Lazio.

Guarda anche...

max-gazze

Max Gazzè ospite d’eccezione all’Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini

Max Gazzè è il prossimo ospite d’eccezione dell’hub culturale della Regione Lazio Officina delle Arti …

Graziella Chiarcossi Cerami

Graziella Chiarcossi Cerami ospite d’eccezione dell’ Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini

Entrare nell’officina di un grande autore, analizzarne i documenti attraverso il vissuto e l’esperienza di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi