Home | Music Event | Virginiana Miller in concerto al Druso di Bergamo
Virginiana Miller
Virginiana Miller

Virginiana Miller in concerto al Druso di Bergamo

Dopo una settimana di pausa continua l’immancabile appuntamento del venerdì sera al Druso con la rassegna “indie Druso” che da due mesi a Bergamo continua a proporre la migliore musica dal vivo dei gruppi rock indipendenti italiani.

Questo fine settimana è atteso un concerto di un gruppo italiano che sta riscuotendo molto successo: venerdì 6 Dicembre sarà infatti il turno dei toscani Virginiana Miller.

Livornesi, formatosi nel 1990, sono un gruppo alternative rock italiano sono formati da Simone Lenzi (voce), Antonio Bardi (chitarra),Matteo Pastorelli (chitarra), Daniele Catalucci (basso), Giulio Pomponi (tastiere), Valerio Griselli (batteria).
Vincitori del David di Donatello 2013 per la “Miglior canzone originale” con il brano “Tutti i santi giorni”, colonna sonora dell’omonimo film di Paolo Virzì e incluso nella tracklist del nuovo album, il gruppo ha alle spalle una carriera ventennale.

Al Druso di Bergamo presenteranno il loro nuovo e sesto album “Venga il regno”, uscito il 17 settembre per l’etichetta AlaBianca (distribuzione Warner Music).
Prodotto da Ale Bavo (che ha già collaborato, tra gli altri, con Linea 77, Subsonica, LNRIPLEY, Velvet e Mina) e registrato al SAM studio di Lari (Pisa) si presenta come un album di grande ricchezza, musicale e lirica. Undici tracce dirette ed efficaci che mettono in mostra un cambio d’atteggiamento radicale da parte della band. Un album che vuole essere soprattutto un invito a uscire allo scoperto e a vivere qui e ora, in questo regno, senza aspettare nient’altro che non ci sia già, praticando la bellezza e lasciandola trionfare sul resto.

Virginiana Miller
opening act: Claudia is on the sofa

A seguire dj set
Venerdì 6 Dicembre
Inizio ore: 22.00

Guarda anche...

Piero-Pelu

Piero Pelù, Elisa e tanti altri ospiti al World Refugee Day Live a Firenze

Un grande evento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni di oltre 50 milioni di persone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *