Home | Sony Music | “Made in London”, il nuovo album di Noemi
Noemi
Noemi

“Made in London”, il nuovo album di Noemi

Uscirà il 20 febbraio “Made in London”, il nuovo album di Noemi contenente i due brani presentati al 64° Festival di Sanremo “Bagnati dal sole” e “Un uomo è un albero”. Da sempre molto apprezzata da critica e pubblico, Noemi torna con una nuova maturità artistica e personale sviluppata grazie a esperienze professionali e non che le hanno aperto orizzonti diversi. Questo album, come annunciato sin dal titolo, è nato e si è sviluppato a Londra, dove Noemi si è da qualche tempo trasferita in cerca di nuovi stimoli, e vede un grandissimo impegno personale dell’artista sia dal punto di vista autorale che produttivo, nonché la partecipazione di musicisti, autori e produttori inglesi che donano al progetto un sound contemporaneo e internazionale.
Il 28 febbraio alla Feltrinelli di Piazza Piemonte 2 a Milano (ore 18.30) e l’1 marzo alla Feltrinelli di via Appia Nuova 427 a Roma (ore 15.30), Noemi incontrerà i fan e firmerà le copie di “Made in London”.
Il 17 aprile dal Teatro degli Arcimboldi a Milano partirà invece il tour che arriverà anche all’Auditorium Conciliazione di Roma il 23 maggio (produzione di Massimo Levantini per Live Nation).
Ma ora la parola a Noemi:
Il mio nome e’ Veronica e questo e’ il mio nuovo disco.
Questo nuovo lavoro mi ha fatto crescere sotto molti punti di vista. Prendere coraggio e decidere di fare le cose a proprio modo al cento per cento non e’ una scelta facile perchè a volte è molto più semplice scaricare la propria coscienza lasciando le decisioni cruciali e gli eventuali errori sulle spalle degli altri. Non so se questo disco mi renderà una artista di successo, lo spero, ma sicuramente mi ha reso una persona e una professionista migliore. Innanzitutto sono stata molto fortunata ad avere persone intorno a me che hanno creduto nella mia visione e nelle mie scelte sin dall’inizio. Scrivere i miei testi e le mie musiche, la scelta delle collaborazioni autorali e avere l’ultima parola sulle decisioni di produzione ha sicuramente pesato sulle spalle, ma è un “peso” che ho portato volentieri proprio in virtù del fatto che ho sempre voluto giocare con le mie carte sin dal mio primo album. Oggi ancora di più e questo e’ il risultato. Un album vario , che prende spunto da molti generi diversi che amo,cercando di fare il sunto di quella che e’ la mia personalità musicale canora e artistica. Trasferirsi a Londra e’ stato poi importantissimo, il contatto con nuovi autori, suoni, realtà musicali che mi hanno anche un po’ liberato da alcune idee a volte restrittive sulla musica che qui, da dove sto scrivendo queste parole, viene vista come pane quotidiano di molti e non solo di pochi eletti. Innanzitutto di Londra in questo disco c’e’ il coraggio e l’amore per le cose nuove, diverse. Qualcuno potrebbe storcere il naso perchè alcune sonorità sono molto moderne e lontane dalla Noemi cantautorale dei dischi scorsi. Non è assolutamente mia intenzione rinnegare un passato che amo perchè mi ha dato tantissimo, ma solamente allargare i confini musicali dove spesso capita di rinchiudersi per paura o semplicemente per pigrizia. Sicuramente una tessera molto importante di questo puzzle e’ il mitico Charlie Rapino (produttore artistico) che mi ha permesso di conoscere e di lavorare con gente veramente talentuosa e inserita nella realtà musicale londinese e nel sound made in UK.
Aver avuto la possibilità di collaborare con autori come Paul Statham, Poul O’duffy, e Shelly Poole: con produttori inglesi tra cui Steve Brown – appena nominato per i Britt Award come miglior album di quest’anno con Laura Mvula – e gli Electric – un duo di giovanissimi produttori di cui sentirete parlare molto presto – e’ stata una bellissima esperienza.
L’Italia che ho voluto portare con me in questo viaggio e’ rappresentata da tre Autori a cui sono molto affezionata: Diego Mancino e Luca Chiaravalli che hanno collaborato con me alla stesura di due brani e Daniele Magro che invece ha scritto una canzone il cui testo e’ una dedica coraggiosa e di un’intesità sconvolgente per una persona della sua eta’. Senza dimenticare Gli Italians.
Spero che tutto ciò vi piaccia, se non vi piace non ci rimarrò male…
Questa sono io.

Noemi
Noemi
Noemi
Noemi

 

Guarda anche...

Sanremo 2018

Sanremo 2018: ecco i nomi dei 20 “Campioni” in gara

Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, Nina Zilli, The Kolors, Diodato e Roy Paci, Mario Biondi, …

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi