Home | Cinema | 'Il Sud e' niente' di Fabio Mollo al Festival Berlino
Valentina Lodovini
Valentina Lodovini

'Il Sud e' niente' di Fabio Mollo al Festival Berlino

Un percorso folgorante, partito dalla prima mondiale di Toronto, passato per il Festival di Roma, poi per le sale italiane e ora per la Berlinale, dove “Il sud è niente” passa nella sezione Generation, dedicata ai ragazzi sopra i 14 anni.

L’opera prima di Fabio Mollo, prodotto da B24 FILM e Madakai, dal 5 dicembre è in sala distribuita da Istituto Luce-Cinecittà con la storia di Grazia (l’esordiente Miriam Karlkvist), adolescente introversa che deve sopravvivere in un ambiente sospeso e omertoso, affrontare il dolore del padre (Vinicio Marchioni) per una perdita familiare che li tormenta entrambi e capire quale strada intraprendere per un possibile futuro.

Premiato con la Camera d’Oro TaoDue per il Miglior Produttore Emergente ad Alice nella città (Festival di Roma), il film ha portato alla ribalta internazionale la sua giovane protagonista, 22 anni e un’identità in bilico tra la Calabria (di cui è originaria e in cui è ambientata la pellicola) e la Svezia, luogo di nascita della madre. Miriam Karlkvist è stata infatti scelta dalla Berlinale tra le 10 Shooting Stars 2014, ovvero i dieci talenti emergenti della recitazione nel vecchio continente. “Sono da poco entrata alla scuola romana Gian Maria Volonté, e in questo momento, grazie a questa esperienza come Shooting Star – ci ha detto Karlkvist – ho grandissima fiducia e sento che potrei fare l’attrice ovunque. Sono sempre pronta a imparare cose nuove”.

Quello della recitazione, in realtà, è un percorso in cui si è imbattuta per caso – “è capitato che facessero uno streetcasting nella mia città. Io ero l’unica a non saperne nulla, mentre il mio migliore amico mi ci ha trascinato perché era convinto che io fossi molto vicina al personaggio richiesto dal film” – ma ora l’ha imboccato con decisione, e guarda a modelli altissimi: “Le performance di Meryl Streep sono meravigliose”. Fiera, però, di portare con sé un bagaglio prezioso: “Ci tengo che in me le due culture, italiana e svedese, camminino insieme, non le posso scindere”. (Fonte Rai Cinema News)

 

Guarda anche...

Alba Rohrwacher

'Vergine giurata' unico film italiano in concorso a Berlino

Ci sara’ anche l’italiano “Vergine Giurata”, opera prima di Laura Bispuri, tra i 19 film …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi