Home | Artisti | Arriva in Italia il debut album dei Twin Forks
Twin Forks
Twin Forks

Arriva in Italia il debut album dei Twin Forks

Approda anche in Italia il nuovo progetto di Chris Carrabba, già alla guida di Dashboard Confessional e Further Seems Forever. Twin Forks è il suo passo più emozionante e apertamente pop, dove la band condivide i medesimi orizzonti, non solo musicali, ma in primo luogo la passione per un cantautorato vastissimo che va da Woody Guthrie a Springsteen, da Bob Dylan a Jackson Browne.

L’album dal titolo omonimo Twin Forks (Dine Alone Records / Audioglobe) contiene episodi vibranti come la tracia Can’t Be Broken che apre il cd, canzoni melodiose e corali come Cross My Mind, singolo dell’album, intrise di country & western, come Back To You o di una nostalgia fortissima, come accade per Kiss Me Darling. Se le radici sono evidenti (Scraping Up The Pieces, Something We Just Know), non affondano semplicemente nel passato: emergono con raffinatezza nella contemporaneità musicale.

Non è un caso che il cantato di Carrabba sia più vicino alle nuove leve del cosiddetto antifolk come i Mumford & Sons, piuttosto che ai suoi modelli dichiarati. Nelle spire di Danger o di Reasoned and Roughened, o nelle inquietudini di Plans e Done Is Done si respira un’aria sonora del tutto attuale, che vive di dettagli, di pulsazioni e di un senso del pop che si lascia ben ricordare.
Grande attenzione a tempi e ritmi nella costruzione dei brani, che Carrabba sottolinea con un fingerpicking brillante, affinato nel corso degli ultimi anni. I suoi compagni di viaggio (Suzie Zeldin, alla voce e al mandolino; Ben Homola alla batteria e Jonathan Clark al basso) conferiscono ai brani quel ritmo incalzante, ipnotico, felicemente ossessivo che attraversa le canzoni del nuovo album. Il grande pregio dei Twin Forks è quello di rimanere in bilico fra storie antichissime raccontate con accenti assolutamente contemporanei, capaci di toccare cuore e piedi dell’ascoltatore, che siano piccoli inni da crepuscolo (Come On) o ballate mozzafiato (Who’s Looking Out). Un bel viaggio alla ricerca dell’anima del rock odierno, con risultati radiosamente struggenti.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi