Home | Tempo d'Europa | Nuova identità visiva per la “famiglia del Consiglio”. Italia prima ad associarla al logo presidenza UE
presidenza dell’Unione europea
presidenza dell’Unione europea

Nuova identità visiva per la “famiglia del Consiglio”. Italia prima ad associarla al logo presidenza UE

Bruxelles, 9 giugno 2014. A partire dal 1º luglio prossimo, il Consiglio europeo, il Consiglio dell’UE, il Vertice euro, l’Eurogruppo e il Segretariato generale del Consiglio (SGC) avranno un nuovo logo ideato su di una nuova carta grafica. E l’Italia sarà la prima ad associarlo al logo del semestre di presidenza dell’Unione europea, che inizia lo stesso giorno.

Il logo è stato scelto per la sua semplicità e il suo simbolismo. Esso associa la bandiera europea a un disegno ispirato dal nuovo palazzo “Europa”, che ospiterà il Consiglio e il Consiglio europeo entro il 2016, ed è in linea con gli approcci architetturali delle identità visive delle altre principali istituzioni dell’Unione. Riflette meglio la situazione istituzionale e comprende tutte le entità cui il Segretariato presta assistenza. Consente inoltre di superare i crescenti problemi tecnici dell’attuale identità visiva dovuti al fatto che l’attuale carta grafica è antecedente a molte applicazioni digitali e il carattere tipografico utilizzato non esiste in tutte le lingue dell’UE.

Il logo si applicherà all’intera “famiglia del Consiglio”, ossia al Consiglio europeo e al suo presidente, al Vertice euro e al suo presidente, al Consiglio e alla sua presidenza (con disposizioni specifiche relative alla co-marchiatura, di concerto con la presidenza di turno), all’Eurogruppo e al suo presidente nonché all’SGC in qualità di amministrazione di sostegno.

Il Segretariato ha lavorato in stretta collaborazione con le prossime presidenze del Consiglio, a cominciare dalla presidenza italiana che sarà la prima ad associare il proprio logo a quello del Consiglio. Questo approccio consentirà alle presidenze di turno e al Consiglio nel suo insieme di beneficiare di un maggiore riconoscimento in quanto associati in modo sistematico.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

Guarda anche...

Lessico pratico di italiano giuridico per stranieri

“Lessico pratico di italiano giuridico per stranieri”: all’estero la nostra anche lingua di lavoro

Bruxelles, 30 aprile 2018. Quando, nel 2007, tenni il mio primo corso di italiano giuridico …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi