Home | In Attualità | Fine tregua a Gaza. Colpito ospedale e catturato un ufficiale israeliano
Gaza
Gaza

Fine tregua a Gaza. Colpito ospedale e catturato un ufficiale israeliano

Salta subito il cessate il fuoco umanitario. Onu condanna i palestinesi per la violazione della tregua. Duri bombardamenti israeliani hanno colpito Rafah dopo il rapimento di un soldato israeliano.

Fonti locali riferiscono che l’ospedale della città, Abu Yussuf al-Najar, è stato colpito. Sul terreno, secondo fonti mediche, ci sarebbero decine di morti e feriti. L’Egitto intanto ha deciso di “cancellare” i colloqui con israeliani e palestinesi per un cessate il fuoco duraturo a Gaza, dopo il collasso della prevista ‘tregua umanitaria’ di 72 ore. Preoccupazione dalla Casa Bianca per “barbara violazione del cessate il fuoco”.

E’ salito a circa 1440 il bilancio di fonte palestinese dei morti a Gaza dall’avvio dell’operazione Margine Protettivo: un bilancio più pesante dell’operazione Piombo Fuso del 2008-2009. Lo scrive l’agenzia Maan aggiornando in particolare a 16 il numero di vittime di uno degli ultimi attacchi israeliani prima della tregua di stamane.

Secondo i dati diffusi di prima mattina dalle autorità sanitarie della Striscia di Gaza, il totale dei morti registrati prima della tregua è salito ad almeno 1437. Ma successivamente la cifra è stata ancora corretta al rialzo per gli effetti di uno degli ultimi bombardamenti: il cui bilancio è stato aggiornato da 11 a 16 vittime. Stando alle stesse fonti, almeno il 23% del totale dei morti palestinesi erano ragazzi e bambini, mentre i dati dell’Onu accreditano una maggioranza complessiva di vittime civili. I feriti sono indicati intanto in oltre 8200.

Nell’ultima azione militare di terra su larga scala condotta nella Striscia fra il dicembre 2008 e il gennaio 2009 – denominata ‘Piombo Fuso’ e durata 22 giorni contro i 25 di quella di queste settimane – i morti palestinesi censiti dalle fonti di Gaza furono 1416 (fonti israeliane ne riconobbero fra 1100 e 1300). Quell’operazione costò inoltre la vita a una decina di soldati e a tre civili in Israele: un tetto largamente superato da tempo nell’offensiva attuale, che secondo i dati dell’esercito ha provocato ormai la morte di 61 militari israeliani, oltre che di tre civili nello Stato ebraico.

Iscriviti alla Newsletter (16376)

 

Guarda anche...

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre: Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre si celebra la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, indetta dall’Onu …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi