Home | In Sport | Guinness cup, Filippo Inzaghi: ‘prime tracce del Milan che vorrei’
Filippo Inzaghi
Filippo Inzaghi

Guinness cup, Filippo Inzaghi: ‘prime tracce del Milan che vorrei’

“Dispiace per il 2-0 immeritato, ma era la risposta che aspettavo. Oggi c’e’ stata una bella reazione, sono contento dei miei ragazzi, non ricordo una parata del nostro portiere, invece del loro c’e’ stata”.

Cosi’ al termine della partita persa 2-0 contro il Liverpool il tecnico del Milan Filippo Inzaghi. Nel secondo tempo abbiamo fatto una mezz’ora a grande livello, il secondo gol ci punisce troppo – continua – Dobbiamo continuare con questo spirito e questa voglia. Ai miei ragazzi posso dire solo di continuare cosi’, poi quando ci confronteremo con le squadre in Italia i nostri valori verranno fuori. Forse siamo ancora un po’ ingenui. Abbiamo preso due gol con palla in possesso, ma sono io che chiedo che la squadra giochi da dietro, siamo il Milan e non possiamo buttare il pallone. Ora andiamo avanti e mi fa piacere la reazione nella fase difensiva da parte di tutti.

Fosse finita 1-0 o avessimo fatto 1-1 non ci sarebbe stato niente da dire. Noi nelle nostre difficolta’ penso siamo stati all’altezza e questo dev’essere un punto di partenza per le prossime partite”. Il tecnico rossonero si sofferma anche sui singoli: “Balotelli puo’ fare anche il centravanti di raccordo.

Niang sta facendo bene, ha un bell’atteggiamento, in Italia ci puo’ dare una grande mano e non penso ci siano tanti Dicembre 1994 cosi’ forti in giro.Diamogli tempo e fiducia. Gli attaccanti esterni oggi ci hanno dato una grossa mano. Mentre nelle altre partite abbiamo fatto fatica oggi ci siamo giocati la partita contro una delle squadre piu’ forti in Europa. Siamo andati in crescendo, cominciamo a vedere una traccia del Milan che vorrei, soprattutto per determinazione. C’e’ un bello spirito, dobbiamo partire da quello.Nel campionato italiano con questa voglia e questa determinazione possiamo fare bene.
Quando saremo al completo potremo fare molto bene. Questa squadra si deve scrollare un po’ di dosso le paure dello scorso anno”.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

Guarda anche...

Davide Astori

​Lutto nel mondo del calcio: è morto il capitano della Fiorentina

​Lutto nel mondo del calcio, è morto stanotte per un malore con arresto cardiocircolatorio il …

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi