Home | In Attualità | Emergenza Gaza, 60 mila persone senza tetto
Emergenza Gaza
Emergenza Gaza

Emergenza Gaza, 60 mila persone senza tetto

Secondo i dati più recenti verificati dall’UNICEF, almeno 429 bambini a Gaza sono stati uccisi nell’ultimo mese a causa di attacchi aerei e bombardamenti. Dal momento dell’inizio del cessate il fuoco, entrato in vigore lunedi mattina, non sono stati registrati ulteriori decessi di bambini.
Almeno 2.744 bambini sono stati feriti. Alcune delle giovani vittime, che hanno subito lesioni debilitanti per i quali nessun trattamento è disponibile a Gaza, devono essere curate al di fuori dell’enclave costiera.
Mentre il cessate il fuoco di tre giorni a Gaza volge al termine, le famiglie stanno lottando per far fronte alle conseguenze di 28 giorni di violenza e distruzione che ha lasciato circa 65.000 persone senza tetto.
“Degli ultimi tre conflitti a Gaza, questo è stato il più lungo, il più letale e distruttivo”, ha detto June Kunugi, Rappresentante UNICEF per lo Stato della Palestina. “Il costo umano e materiale va oltre le parole”.
Più di un quarto dei residenti di Gaza sono sfollati durante l’ultimo conflitto. I tre giorni di cessate il fuoco hanno permesso alle famiglie di visitare le loro case, ma molti hanno dovuto tornare nei rifugi collettivi, quando la piena portata dei danni alle loro case è diventata evidente.
Il sovraffollamento dei rifugi gestiti dell’ONU, molti dei quali scuole, sta rendendo difficile fornire a queste famiglie i bisogni di base e avere condizioni di pulizia per prevenire la diffusione di malattie. Diarrea e malattie della pelle tra i bambini sono in aumento.
I servizi di base sono gravemente danneggiati. L’accesso all’acqua è limitato per 1,5 milioni di persone e la mancanza di elettricità sta colpendo i servizi di distribuzione di acqua e i servizi igienico-sanitari e sanitari.
Circa 400.000 bambini mostrano sintomi di disagio, come bagnare il letto, stare sempre attaccarsi ai genitori e avere incubi e hanno bisogno di sostegno psicosociale. La metà degli 1,8 milioni di persone di Gaza sono bambini sotto i 18 anni.
Fin dai primi giorni della crisi, squadre psicosociali sostenute dall’UNICEF sono state dispiegate per fornire sostegno psicologico ai bambini colpiti, raggiungendo finora 1.870 bambini in tutta la Striscia di Gaza.
Per migliorare le condizioni nei rifugi collettivi, l’UNICEF, in collaborazione con la Mezzaluna Rossa Palestinese, ha distribuito 1.500 kit igienici per adulti, 1.000 kit per i bambini, 1.388 taniche e 4.000 coperte. Si sta organizzando la distribuzione di 24.000 vestiti per bambini e donne.
“La lotta in salita per guarire le ferite fisiche e psicologiche dei bambini e per ripristinare le infrastrutture distrutte di Gaza sono un compito gigantesco”, ha detto Kunugi.

L’UNICEF è operativo a Gaza fin dai primi anni ’90, lavorando per aiutare i bambini e le famiglie ad avere accesso ai servizi di base, tra cui l’acqua, l’educazione igienico-sanitaria, la salute e formazione contro il pericolo delle mine. L’UNICEF ha bisogno di circa $ 14 milioni per rispondere ai bisogni umanitari di montaggio causati da questa nuova escalation.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

Guarda anche...

Unicef

Unicef: torna l’iniziativa dell’Orchidea i prossimi 21 e 22 aprile in oltre 2.200 piazze

Il prossimo fine settimana, 21 e 22 aprile, in oltre 2.200 piazze in tutta Italia …

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi