Home | Festival | Roma Fiction Fest, via con serie su Ambrosoli
Pierfrancesco Favino
Pierfrancesco Favino

Roma Fiction Fest, via con serie su Ambrosoli

Un uomo al servizio dello stato, l’impegno militante per l’affermazione della responsabilità civile, un sistema politico finanziario indebolito dalle connivenze con i poteri occulti. Sono i temi attorno a cui ruota Qualunque cosa succeda, miniserie sulla vita e l’assassinio di Giorgio Ambrosoli, che è una delle sei anteprime italiane del Roma Fiction Fest ha aperto ufficialmente la rassegna all’Auditorium Parco della Musica di Roma alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con la moglie Clio, del presidente del Senato Pietro Grasso e del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Presente anche il figlio dell’avvocato, Umberto Ambrosoli, al cui omonimo libro è ispirata la serie.

Il film, in onda prossimamente su Rai1, comincia con la telefonata della Banca d’Italia e con il conferimento ad Ambrosoli, che ha il volto di Pierfrancesco Favino, dell’incarico di liquidatore della Banca Privata Italiana. Siamo nel 1974, a Milano, la storia con la regia scrupolosa di Alberto Negrin si chiude nella notte tra l’11 e il 12 luglio del 1979: un killer su mandato del banchiere Michele Sindona fredda l’avvocato sotto casa.

Solo al termine, con alcuni salti temporali, il regista mostra la morte di Sindona in carcere, l’allontanamento di Marcinkus dalla guida dello Ior, la famosa intervista Rai in cui Andreotti disse di Ambrosoli: “se l’è cercata”. Nell’interpretare Giorgio Ambrosoli la sfida più grande per Favino – reduce dal Festival di Venezia con il film Senza nessuna pietà di Michele Alhaique (e presto sul set con Elio Germano per Suburra di Stefano Sollima) – “è stata non cadere nella retorica dell’uomo tutto d’un pezzo.La complessità di una persona è fatta dalla sua dimensione pubblica e da quella privata, dalle sue tante sfaccettature”.

Sul set per Favino c’è stato un momento per lui di “grandissima emozione” quando sono arrivate la signora Ambrosoli e la figlia. “Stavamo girando la scena dell’ultima requisitoria di Ambrosoli – ricorda -, l’unico momento in cui la moglie nella realtà non era presente, perchè era già andata al lago dove lui avrebbe dovuto raggiungerla”. La miniserie in due puntate, prodotta dalla 11 Marzo Film, con sceneggiatura di Andrea Porporati, vede nel cast anche Massimo Popolizio (Sindona), Anita Caprioli nel ruolo di sua moglie e Andrea Gherpelli in quello del suo braccio destro, il maresciallo della Guardia di Finanza, Silvio Novembre.

Iscriviti alla Newsletter (16443)

 

Guarda anche...

a-casa-tutti-bene

Dal 14 febbraio al cinema A Casa Tutti Bene, il nuovo film di Gabriele Muccino

Dal 14 febbraio al cinema A Casa Tutti Bene, il nuovo film di Gabriele Muccino …

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi