Home | Tempo d'Europa | Sanzioni Google e Amazon, Costa e Toia: servono regole europee su equità fiscale
Google
Google

Sanzioni Google e Amazon, Costa e Toia: servono regole europee su equità fiscale

Bruxelles, 2 ottobre 2014.L’annunciata sanzione da parte della Commissione europea nei confronti di alcune multinazionali, tra cui Google e Amazon, dimostra l’esigenza di regole europee sugli Over The Top. Nel caso di Google infatti è emersa l’accusa di elusione fiscale per non aver pagato le tasse nemmeno negli Usa, mentre per Amazon la Commissione ha introdotto una interessante e convincente interpretazioni di illeciti aiuti di stato: sotto tiro è infatti l’Irlanda che, insieme al Lussemburgo, consente un vero e proprio dumping fiscale e condizioni di sostanziale monopolio ai giganti della rete“. E’ quanto dichiarato dalla presidente della Commissione Cultura e Istruzione Silvia Costa (PSE/PD).

“Come ho personalmente segnalato al commissario designato per l’Economia e la Società Digitale Oettinger nel corso dell’audizione congiunta delle Commissioni Cultura e Industria – ha continuato l’eurodeputata – è ormai inderogabile giungere a una regolamentazione europea che consenta non solo l’equità fiscale ma anche parità di condizioni della concorrenza tra operatori, e quindi la possibilità di accesso da parte di operatori europei nonché la tutela del pluralismo e della diversità culturale. anche prevedendo loro investimenti nei prodotti culturali e creativi europei”.

“Chiediamo al presidente Juncker – ha aggiunto la collega PatriziaToia – di essere coerente con l’impegno che ha preso, nel discorso di presentazione della Commissione in plenaria a Strasburgo, per il superamento del dumping fiscale in Europa e per una prima armonizzazione della legislazione sul fisco. Non è più possibile mantenere una diversa tassazione tra Stato e Stato, perché ciò creerebbe una situazione di concorrenza sleale, anche per gli investimenti esteri, ledendo la competitività dell’Unione”.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

Guarda anche...

Parlamento europeo

Parlamento europeo: interrogazione urgente sul caso Alfie Evans

Sul caso del piccolo Alfie Evans, il bambino britannico di 23 mesi affetto da patologia …

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi