Home | Festival | Outdoor 2014, dal 25 ottobre al 22​​ novembre a Roma
Outdoor 2014
Outdoor 2014

Outdoor 2014, dal 25 ottobre al 22​​ novembre a Roma

Moving forward è il manifesto della quinta edizione di OUTDOOR 2014. Il Festival si supera, passando da interventi esterni ad uno spazio di 5000 mq, al chiuso, affidato a 15 artisti provenienti da 6 nazioni differenti, dal 25 ottobre al 22​​ novembre.
Negli ultimi 4 anni la Street Art, grazie soprattutto al lavoro di OUTDOOR, si è sviluppata nel quartiere Ostiense di Roma; dopo quattro edizioni, una relazione lunga e felice con quel territorio, Outdoor ha affrontato l’esigenza di un rinnovamento. Il quartiere di San Lorenzo e nello specifico gli spazi della vecchia Dogana di Roma, con oltre un secolo di storia alle spalle, è sembrato il terreno più adatto ad accogliere il rinnovato festival; non un punto di arrivo o arresto quanto piuttosto una successiva tappa.
Una tappa che è un deciso passo in avanti del festival, con l’obiettivo dichiarato, fin dal titolo, di coinvolgere il pubblico in un movimento fisico e mentale.
Un percorso emotivo che è anche lettura avvincente del tempo presente; come a dire che saper leggere il contemporaneo è premessa fondamentale per scriverlo.
La scrittura in questo caso è cubitale in uno spazio, quello dell’ex Dogana.
La Dogana, spazio chiuso e privato che racconta di passati remoti, sarà chiamato a guardare, muoversi, pensare in avanti. Moving Forward.L’intera area, chiusa da oltre 4 anni, sarà al centro di un processo di rigenerazione artistica che ne anticiperà la riconversione, allestendo un’ipotesi per il domani.
In collaborazione con le Ambasciate e gli Istituti di cultura stranieri, Roma accoglierà artisti provenienti da Francia, Grecia, Giappone, Sud Africa, Norvegia, ad ognuno dei quali sarà affidato un padiglione, gli spazi restanti invece saranno dedicati alla scena italiana e romana.
L’edizione 2014 offre al pubblico un insieme di artisti molto eterogeneo: dal gesto ripetuto e marcato di Jbrock, la colorata ironia di Laurina Paperina e dell’americano Buff Montser la parola e la geometria dei greci Blaqk, la delicata ricerca estetica della sudafricana Faith 47 in netto contrasto con la sensualità pop di Lady Aiko dal Giappone, i loghi celebri del norvegese Dot dot dot, la perdita dei normali riferimenti spaziali di Thomas Canto, l’incontro e confronto di Brus, Ike e Hoek, le diverse ricerche stilistiche ed estetiche dei giovani Tnec e Jack fox per concludere con l’invasione dei characters di Galo e l’ istallazione materica di Davide Dormino.
Gli street artists invitati si sono dovuti confrontare con uno spazio diverso, lontano dalla strada, illuminato dai fari e non dalla luce solare, chiuso da 4 mura e di passaggio come i corridoi che uniscono le 6 grandi stanze della Dogana.
Tutti racchiusi in “un luogo enorme, che per la sua grandezza fa perdere i normali riferimenti spaziali, – spiega Antonella Di Lullo, curatrice del festival – che non deve spaventare ma essere parte integrante del tutto, nessuna antitesi tra contenitore e contenuto, quanto piuttosto una perfetta coincidenza e sovrapposizione in cui l’arte esprime tutto il suo carico estetico, i suoi gesti impulsivi, emozionali, geniali e sempre diversi”.
Grazie alla collaborazione con il Google Cultural Institute, di cui NUfactory è partner nel progetto Street Art, OUTDOOR 2014 – la Dogana resterà visibile al pubblico attraverso dei tour virtuali fruibili dalla piattaforma on line Street Art Rome.
OUTDOOR apre la propria programmazione ad un vasto e diversificato programma di attività ed eventi. “Solo una crescita culturale condivisa potrà essere duratura – spiega Francesco Dobrovich, direttore e fondatore del Festival – da sempre crediamo nell’arte come straordinario strumento di dialogo e aggregazione, capace di coinvolgere ed emozionare il pubblico, rendendolo partecipe dei processi di cambiamento che animano la città”.
L’inaugurazione, prevista il 25 ottobre, sarà l’occasione per svelare le opere e per ascoltare buona musica con lo showcase a cura dell’etichetta Congaloid oltre alla performance di uno dei precursori della scena hip hop francese Kohndò.
Ogni weekend sarà possibile visitare la mostra, prenotare visite guidate, assistere a concerti realizzati in collaborazione con le realtà più attive della scena musicale capitolina, e degustare street food da tutto il mondo.

Il catalogo delle cinque edizioni di OUTDOOR “Roma wasn’t built in a day” è a cura di Drago.
OUTDOOR 2014 – “MOVING FORWARD”
Dogana, Via dello scalo di San Lorenzo 10
dal 25 ottobre al 22 novembre
Aperto dal Venerdi alla Domenica dalle 12 alle 22

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

 

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi