Home | Universal | James Bay: vincitore del Best Critics' Choice Award
James Bay
James Bay

James Bay: vincitore del Best Critics' Choice Award

L’anticipo dei Brit Awards con la vittoria già a dicembre del premio Critics’ Choice Award assegnato annualmente dai critici inglesi alla più grande promessa per l’anno a venire sta diventando anno dopo anno una certezza di futuro successo.
Basta vedere i nomi che hanno ottenuto questo riconoscimento negli anni precedenti: Adele, Florence + the Machine, Ellie Goulding, Jessie J, Emeli Sandé, Tom Odell e Sam Smith.

Il vincitore di quest’anno è JAMES BAY, chitarrista e cantautore 24enne premiato dalla critica inglese sia per il suo talento alla chitarra che per quello dimostrato nei testi.

“Sono praticamente senza parole – dice BAY – Dopo tutti questi anni a guardare i Brits, e nonostante quest’anno abbia visto la mia fan base crescere cosi tanto, non avrei mai pensato di vincere io questo premio. È un onore essere il successore dei grandi artisti che lo hanno vinto prima di me. Sono davvero esaltato, grazie a tutti quelli che mi hanno supportato.”

A suggellare il buon momento che questo talento sta vivendo anche la scelta della BBC di inserirlo nell’elenco dei giovani artisti da tenere d’occhio nel 2015.

L’agenda di James Bay è già fittissima: il 9 gennaio è prevista l’uscita anche in Italia del suo primo singolo “HOLD BACK THE RIVER” (il video ufficiale è già online) che anticiperà il primo vero album previsto per fine marzo.
Reduce da un tour sold out in UK e di concerti in tutto il mondo come supporter di Hozier, Tom Odell e John Newman, JAMES BAY arriverà al Biko di MILANO il 25 gennaio e nei giorni successivi rimarrà nella capitale Lombarda per promozione.

A un’ora di macchina fuori da Londra, nel punto in cui la periferia lascia il posto alla campagna, c’è Hitchin, sede, guarda caso, del Rhythms of the Worlds Festival e città natale di James Bay.
L’ossessione di Bay per la chitarra inizia intorno agli 11 anni, quando ne trova una tutta impolverata e con le corde arrugginite frugando nell’armadio del padre.

“L’avevo vista due o tre volte nella mia vita e in quel momento ho deciso di prenderla. Ho aperto l’armadio e mi sono accorto che aveva cinque corde arrugginite, ma mi sono seduto con questa in braccio e la sensazione di tenerla era la cosa migliore del mondo”, ha raccontato James. “Mi sembrava fottutamente cool”.

Insieme al padre ripara la chitarra ed inizia a studiarla, prima con cd didattici, poi nella maniera che gli era più congeniale: ad orecchio diventando ben presto un abile chitarrista.
Adolescente entra e fonda alcune band con fratelli ed amici, in nessuna di queste però sarà mai il frontman: la cosa non sarebbe durata però a lungo. All’età di 18 James Bay si traferisce fuori città, a Brighton, per approfondire i suoi studi musicali: è qui che la sua carriera solista prende finalmente il via. Inizia ad esibirsi in serate open music cinque sere a settimana in tanti piccoli locali della città e il passo successivo a Brighton è il trasferimento a Londra.

Ci vuole poco affinché si costruisca una solida reputazione live nella capitale: fa da supporter ai Rolling Stone nel loro concerto ad Hyde Park nell’estate del 2013 (“sono quasi caduto dallo sgabello quando mi è stato detto”), va in tour con artisti del calibro di ZZ Ward, Kodaline, Tom Odell, John Newman e Beth Orton, suonando in alcuni dei luoghi più prestigiosi al mondo tra cui il Troubadour di Los Angeles e il Fillmore di San Francisco.
In una sera però la sua vita cambia completamente: durante un live in un pub di Kentish Town uno spettatore rimane così colpito dalla sua bravura da registrare la performance e caricarla su YouTube. Un paio di settimane più tardi il video cattura l’attenzione di un A&R della Republic Records. L’etichetta lo chiama a New York una settimana più tardi per firmare il contratto.

Quasi un anno dopo, dopo gli EP “The Dark of The Morning” del 2013, e “Let It Go” del 2014, Bay ha appena pubblicato un nuovo Ep “Hold Back the River Bay”, registrato nei prestigiosi Blackbird Studios di Nashville con l’aiuto di Jacquire King, collaboratore di lunga data dei Kings of Leon e ingegnere del suono di Tom Waits.

Quest’anno James Bay si è esibito in una serie di festival del Regno Unito: Glastonbury, T in the Park in Scozia, ha aperto lo spettacolo per Stevie Wonder a Londra e il tour americano di Hozier.

Iscriviti alla Newsletter (17.280)

 

James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay
James Bay

 

Guarda anche...

James-Bay

James Bay, dai Brit Awards all’Obihall

I Brit Awards 2016 lo hanno incoronato “British Male Solo Artist” dell’anno. Solo l’ultimo riconoscimento …

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi