Home | Tempo d'Europa | Scuola e precariato, Ignazio Corrao interroga la Commissione europea
Ignazio Corrao
Ignazio Corrao

Scuola e precariato, Ignazio Corrao interroga la Commissione europea

Bruxelles, 28 Dicembre 2014 – “L’Italia viola le norme europee per l’ennesima volta. Sfortunati protagonisti dell’italica inadempienza, sono questa volta i lavoratori della scuola pubblica, di cui l’Italia ha approfittato rendendoli sempre più precari, in totale spregio della direttiva n.1999 70 CE”. L’eurodeputato Ignazio Corrao, capo delegazione del Movimento 5 Stelle a Bruxelles ha interrogato l’esecutivo europeo sull’anomalia italiana del precariato pubblico nel sistema scolastico, alla luce della recente pronunciamento della Corte di Giustizia UE.

La Corte, con sentenza del 26 novembre 2014, rileva che la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione e che il rinnovo illimitato di tali contratti per soddisfare esigenze permanenti e durevoli delle scuole statali è ingiustificabile.

“I principi della sentenza – spiega Corrao – potrebbero estendersi anche ai contrattisti degli enti locali, dopo che la Corte ha affermato che esigenze di spesa e considerazioni di bilancio non giustificano l’assenza delle misure dirette a prevenire il ricorso abusivo di contratti di lavoro a tempo determinato. In Italia i precari della PA sono oltre 250.000 e potrebbero vedersi riconosciuto il diritto al risarcimento o alla stabilizzazione. E allora, se la giustizia sta facendo il suo corso, quali sono le soluzioni per i lavoratori, usati sin ora senza le prerogative di legge? C’è una previsione di stabilizzazione e la restituzione di una dignità familiare? La possibile estensione della sentenza ai contrattisti degli enti locali inoltre scatenerebbe una serie di ricorsi con effetto domino disastroso per i comuni, alle prese con ristrettezze di bilancio e patto di stabilità”.

Alla luce di tali considerazioni, l’eurodeputato M5S Ignazio Corrao interroga la Commissione europea chiedendo “se intende esprimersi riguardo a linee guida e procedure da intraprendere sul trattamento dei lavoratori precari della pubblica amministrazione e se prevedrà procedure straordinarie per garantire la serenità dei lavoratori oltre a misure atte a prevenire l’uso abusivo dei contratti di lavoro a tempo determinato”.

Iscriviti alla Newsletter (16376)

 

Guarda anche...

mense

Comune di Roma annulli la richiesta di certificazione medica per le mense vegan

“Non è necessaria alcuna certificazione medica per poter far accedere un bambino a un menu …

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi