Home | In Attualità | Atto intollerabile: assalto al settimanale satirico Charlie Hebdo. E' una strage, 12 morti
assalto al settimanale satirico Charlie Hebdo
assalto al settimanale satirico Charlie Hebdo

Atto intollerabile: assalto al settimanale satirico Charlie Hebdo. E' una strage, 12 morti

Charlie Hebdo, piu’ volte finito nel mirino degli integralisti islamici per aver irriso la figura del Profeta Maometto. Due uomini incappucciati e vestiti di nero sono entrati nella redazione e hanno cominciato a sparare con kalashnikov.
Ci sono anche 10 feriti di cui 5 gravi. Lo riferisce la polizia francese. “Vendicheremo il Profeta”: cosi’ avrebbero urlato i due aggressori incappucciati che un’ora e mezza fa hanno aperto il fuoco dentro la sede del settimanale satirico francese Charlie Hebdo, facendo almeno 11 morti. Lo ha riferito un testimone alla radio France Info, ripresa dal quotidiano 20 Minutes. Quindici minuti prima dell’attacco, il settimanale satirico Charlie Hebdo aveva pubblicato sul profilo Twitter una vignetta su Abu Bakr al-Baghdadi, leader dello Stato islamico Il presidente francese, Francois Hollande,”e’ terrorismo” si sta recando sul luogo, in pieno centro di Parigi, dell’attacco al settimanale satirico Charlie Hebdo.
Il suo ufficio all’Eliseo ha comunicato che per le 14 e’ stato convocata una riunione d’emergenza del governo. “E’ un attacco terroristico, non c’e’ alcun dubbio”: cosi’ il presidente francese, Francois Hollande, sul luogo del gravissimo attentato alla sede del settimanale satirico Charlie Hebdo.

Il volto teso e grave, il presidente ha confermato che alle 14 si riunira’ all’Eliseo il gabinetto di governo con tutti i ministri responsabili; e si e’ impegnato a prendere tutte le misure necessarie per proteggere i francesi e catturare i responsabili.
Hollande ha parlato di “attentato terroristico di eccezionale barbarie. Un attentato alla nostra liberta” e ha promesso, “troveremo i colpevoli”.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

Guarda anche...

Silvia-Costa

Silvia Costa, più risorse e impegno per dialogo interculturale

Strasburgo, 19 gennaio 2016. “Dobbiamo concentrare di più impegni e investimenti perché l’Europa diventi uno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi