Home | In Eventi | L’otto femminile del coach Richard dopo gli allenamenti rientra nel Regno Unito
Oxford a Sabaudia
Oxford a Sabaudia

L’otto femminile del coach Richard dopo gli allenamenti rientra nel Regno Unito

E’ quasi il termine delle lezioni in barca per le dinamiche studentesse universitarie del Regno Unito, che si sono allenate in questo periodo sul lago di Paola, sotto la guida del promotore dell’attività, il coach Richard Fishlook. L’allenatore è un ex robusto atleta della prestigiosa Università di Oxford, con un curriculum sportivo di tutto valore, famoso per avere gareggiato nel The Boat Race ed ai giochi olimpici di Roma del 1960. Viene in questa località da anni ed ha un bel legame con l’Italia, dove si muove incentivando lo sport del canottaggio mediante il coinvolgimento dei giovani suoi conterranei. Molto sereno e dal fare decisamente cordiale, è lui che ha radunato presso il Circolo Canottieri di Sabaudia le giovani atlete di Oxford secondo un rito che prosegue anno dopo anno. E’ conosciuto presso i centri remieri di Roma, di Amalfi, in cui si impegna a stretto contatto con i vari club attuando appieno il motto latino “Mens sana in corpore sano”.
La squadra di canottaggio femminile di Oxford è legata da tempo alla località turistica pontina, e sistematicamente in un periodo definito le studentesse universitarie si fermano qui, in questa zona protetta del Parco Nazionale del Circeo e formano una combattiva squadra dell’otto. E’ un periodo di intense prove che contribuiscono a migliorare la condizione atletica delle studentesse del St. Edmund Hall College, il cui ambiente tiene molto in considerazione lo sport del canottaggio. Le dinamiche atlete rispondono ai nomi di Megan Carter e Eleanor Crossley, studentesse in Material Science, Christina Turner, iscritta a Surgical Science, Judit Gonzales Santana, studentessa di Earth Sciences, Annie Murphey, frequentante il corso di Biochemistry, Maria Tsekhmistrenko, iscritta a Seismology, Julianne Williams, frequentante Population Health, Kathryn Reece, studentessa di History, Sophie Sagan, universitaria di Immunology e Lydia Welham, studiosa di French and Russian.
Palesano tutte una personale soddisfazione per il proficuo periodo che stanno vivendo sul lago di Sabaudia, luogo di significativo rilievo sul piano naturalistico, storico e sportivo. Il clima temperato per questa stagione invernale conforta le uscite dell’equipaggio inglese, composto da 10 atlete, impegnato con zelo e serietà a sviluppare questo percorso atletico allo stesso modo delle nobili lezioni presso la sede universitaria. Un momento magico, che stanno trascorrendo presso il Circolo Canottieri Sabaudia, che da poco ha compiuto i 30 anni di attività. A fare gli onori dell’ospitalità l’intero Consiglio Direttivo del CCS, che nutre grande rispetto per il grande amico Richard, sempre accolto con piena soddisfazione assieme alla squadra femminile.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

Guarda anche...

Ai 18enni di Sabaudia la Costituzione, cuore della Repubblica italiana

Sabaudia, 15 aprile 2018. Quando, nel lontano 1987, sostenni l’esame di Diritto costituzionale alla facoltà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi