Home | Tempo d'Europa | Schulz, Napolitano si dimette ma sua eredità indelebile in Italia e in Europa
Schulz e Napolitano
Schulz e Napolitano

Schulz, Napolitano si dimette ma sua eredità indelebile in Italia e in Europa

Strasburgo, 14 gennaio 2015. “Il fatto che le dimissioni di Giorgio Napolitano avvengano oggi, al termine della presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea, è un simbolo forte del suo inestinguibile europeismo”. Lo ha dichiarato da Strasburgo – dove è in svolgimento la prima plenaria del 2015 –  il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz.

“Nel corso della sua carriera politica, e ancor più durante la sua presidenza, Napolitano ha garantito stabilità, responsabilità e leadership, in Italia e in Europa. La sua risolutezza durante la crisi dell’Eurozona o la sua decisione di accettare un secondo mandato per superare la situazione di stallo in un Parlamento diviso, sono solo due esempi della sua leadership e del suo senso di sacrificio”.

“L’Europa è stata una fonte costante di attenzione e di riflessione per il presidente Napolitano”, prosegue Schulz. “Durante la crisi ha lucidamente diagnosticato i problemi sociali ed economici dell’Europa e offerto soluzioni equilibrate per rilanciare la crescita e il progetto europeo nel suo insieme”.

“Napolitano è anche uno dei più convinti promotori dell’Europa politica. Il suo discorso al Parlamento europeo del 4 febbraio 2014 rimane uno dei momenti più alti della precedente legislatura e uno degli interventi più lungimiranti sul futuro dell’Europa pronunciati nella plenaria di Strasburgo”.

“Il presidente Napolitano si dimette oggi, ma la sua eredità è indelebile, in Italia e in Europa”.

Giorgio Napolitano e Martin Schulz hanno avuto una conversazione telefonica ieri, martedì 13 gennaio. Il Presidente del PE ha ringraziato il Capo dello Stato italiano per la sua amicizia e per il suo lavoro e dedizione nel rafforzamento dell’Unione, e in particolare del Parlamento europeo.

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

Guarda anche...

Germania. Martin Schulz rinuncia al Ministero degli Esteri

Il leader dell’Spd, Martin Schulz, ha ufficializzato la sua rinuncia alla carica di ministro degli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi