Home | Tempo d'Europa | Pensare diverso dagli altri, non tradire mai il cliente. L’eredità, umana e imprenditoriale, di Michele Ferrero
Michele Ferrero
Michele Ferrero

Pensare diverso dagli altri, non tradire mai il cliente. L’eredità, umana e imprenditoriale, di Michele Ferrero

Bruxelles, 22 febbraio 2015. “Ho voluto lasciar passare qualche giorno dalla morte di Michele Ferrero per esprimere pubblicamente tutto il cordoglio mio e di Confindustria Cuneo per il più grande imprenditore che la nostra provincia, per non dire l’Italia, abbia mai avuto”.  Lo ha affermato Franco Biraghi, presidente di Confindustria Cuneo, all’indomani dei funerali dello straordinario inventore della Nutella, i cui valori, “pensare diverso dagli altri” e non “tradire mai il cliente” sono intramontabili, e da applicare non solo in azienda.

“Il signor Michele, così era chiamato nella sua Alba, è sicuramente stato un esempio in tutto il mondo non solo per quello che ha fatto, ma soprattutto per come lo ha fatto”, sottolinea il presidente Biraghi. “Il suo merito più grande è stato quello di aver sempre guardato prima di tutto alla produzione e al cliente finale. La sua proverbiale attenzione ai gusti della signora Valeria – la massaia simbolo dell’italianità, colei che ogni giorno nel fare la spesa decideva quali prodotti mettere o non mettere nel carrello – la dice lunga di come si possa essere arrivati a guidare un grande colosso dolciario senza aver perso il contatto con la realtà, restando sempre con i piedi per terra”.

“Costantemente e personalmente collegato alla produzione e ai suoi prodotti anche quando la dimensione aziendale era diventata multinazionale”.

“Ora che l’immensa folla di gente che ha partecipato ai funerali ed è venuta alla camera ardente è tornata a casa, adesso che Alba e tutta la Langa gli hanno reso omaggio per aver strappato quella terra dalla ‘malora’ di fenogliana memoria, ogni industriale cuneese sa che da oggi in poi ha sulle spalle un pezzo dell’eredità umana e imprenditoriale di Michele Ferrero, nella consapevolezza che quello che ci ha lasciato non ripagherà mai quello che abbiamo perso”, ha concluso Franco Biraghi.

Iscriviti alla Newsletter (16466)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi