Home | Firenze | Verdena in concerto all' Obihall Firenze
Verdena
Verdena

Verdena in concerto all' Obihall Firenze

Più che un tour si annuncia una marcia trionfale quella che porta martedì 3 marzo i Verdena all’Obihall di Firenze. La nuova avventura live della band bergamasca arriva a poche settimane dall’uscita dell‘album “Endkadenz Vol.1”, primo capitolo di un progetto che vedrà il suo completamento con la pubblicazione di “Endkadenz Vol.2”, prevista per i prossimi mesi.

Se non bastasse, ad aprire le date ci sono i Jennifer Gentle, altra formidabile band di quel rock tricolore poco affine al mainstream, con cui Alberto Ferrari, Roberta Sammarelli e Luca Ferrari collaborano da tempo.

Un nuovo disco dei Verdena è sempre un movimento, una ricerca, una via di fuga dalla prevedibilità. Se il precedente “WOW” era un’esclamazione quasi categorica, anche se piena di rifrazioni, in “Endkadenz Vol.1” sono i sussurri e le grida, mica solo vocali, a fare da miccia agli incendi di ogni brano.

Il brio del risveglio si contrappone al sonno della decadenza. La lotta, magari disillusa, all’accettazione di tutto quello che capita. I Verdena non abbandonano il loro modo di fare e intendere la musica: lo testimoniano ancora una volta le parole, che non sono mai state così amalgamate ai suoni, al punto da rendere la voce, a tutti gli effetti, uno strumento completo, che non scivola più di lato, ma resta spesso al centro della scena sonora.

“Ho una fissa” vola in alto, sostenuto dal vigore della musica, per poi farsi inghiottire dai tasselli musicali e melodici di “Puzzle”. Gli spazi interiormente pop di “Un po’ esageri”, le ossessioni di “Sci desertico”, il continuo e laborioso contrasto fra la melodia e il ritmo, meglio, fra il richiamo della limpidezza e la discesa verso l’opacità, fra armonia e distorsione sono la linea che porta da una traccia all’altra, senza cali di tensione, elettrica ed emotiva.

“Endkadenz Vol.1” è un viaggio in cui ogni nota, ogni inflessione del canto e ogni deviazione si accompagnano senza sovrapporsi: il “Nevischio” che impasta i pensieri e i sentimenti apre, improvvisamente, la porta a un intreccio in cui l’elettrico, l’acustico, la sovrapposizione e la rarefazione sono messe lì, fianco a fianco, con effetti incandescenti.
Non ci sono preminenze, fra la batteria, il basso, la chitarra, tutti gli strumenti che vengono utilizzati perché una canzone suoni bene: conta, decisamente, la coralità.

Apocalittico, magari – lo mostrano bene il tono di “Rilievo” e i suoi ricami vocali sciamanici, la malinconia dei sensi di “Diluvio”, che diventa malinconia delle forme, le pulsazioni di “Derek” – ma tutt’altro che disintegrato. Nel battito in dissolvenza di “Vivere di conseguenza”, nelle circospezioni soniche di “Alieni fra di noi”, nell’eleganza, tutt’altro che ruvida, di “Contro la ragione” ci sono anche i semi del cambiamento, rispetto a quelle che sono le strade percorse fino ad ora da Alberto, Luca e Roberta.

Nessuna rivoluzione – e perché mai si dovrebbe rivoluzionare un percorso già di per sé così ostinatamente ricco e vasto? –, ma un deciso affinamento verso un orizzonte sempre più ipnotico malinconico e corrosivo, se serve. L’inno del Perdersi sottolinea questo nuovo equilibrio, fuori dagli schemi troppo rigidi e dai riferimenti troppo obbligati di molti altri.

Il futuro magari non è radioso (vedi “Funeralus”, che comunque apre la porta a suggestioni, di nuovo, profonde, inattese), ma i Verdena lo canteranno ancora, nel modo migliore: non per sfida, ma semplicemente per attitudine.

JENNIFER GENTLE – La band guidata dall’inarrestabile Marco Fasolo è stata scelta dai Verdena come ospite esclusivo di tutte le date del tour. Per i Jennifer Gentle sarà anche l’occasione per presentare al pubblico la ristampa dei primi due dischi, “I am You are” (2001) e “Funny Creatures Lane” (2002) per Bomba Dischi.

Non stupisce la scelta dei Jennifer Gentle come ospiti del tour. Da tempo infatti le due band collaborano su diversi progetti. Fasolo ha registrato e prodotto due brani che saranno contenuti nel nuovo lavoro dei Verdena e Luca e Alberto hanno suonato rispettivamente come batterista e bassista in più occasioni con la band padovana. Inoltre i Verdena hanno partecipato alla cover di ‘Mother’ contenuta nel progetto di Fasolo Universal Daughters.

Jennifer Gentle è forse una delle più bizzarre e interessanti rock band italiane di sempre, tanto da divenire il primo gruppo tricolore ad essere messo sotto contratto dalla leggendaria etichetta americana Sub Pop (Nirvana, Soundgarden, Mudhoney e più recentemente Shins).

Negli anni hanno collezionato una lunga quanto eterogenea lista di fans (tra cui nomi come Graham Coxon, Jarvis Cocker, Julian Cope, Mars Volta e membri di Architecture in Helsinki e Dandy Warhols) che li ha trasformati in una delle formazioni indie italiane più conosciute e rispettate all’estero.

Iscriviti alla Newsletter (16493)

 

Guarda anche...

Alberto-Ferrari-dei-Verdena

Alberto Ferrari dei Verdena vs Genuine: ad aprile 4 eventi speciali

Alberto Ferrari – cantante e chitarrista, leader dei Verdena – è il punto focale della …

Rock Contest 2016: la giuria della finale presieduta da Alberto Ferrari dei Verdena

Continuano fino al 14 ottobre le iscrizioni alla ventottesima edizione del “Rock Contest”, il concorso …

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi