Home | Tempo d'Europa | Riforma cassa forense: avvocati italiani rischiano cancellazione dall’albo. Corrao interroga la Commissione UE
Ignazio Corrao
Ignazio Corrao

Riforma cassa forense: avvocati italiani rischiano cancellazione dall’albo. Corrao interroga la Commissione UE

Bruxelles, 17 marzo 2015. “Un insopportabile effetto discriminatorio che riduce la concorrenza e crea una casta professionale cui possono accedere tendenzialmente i più ricchi, non necessariamente i più bravi, spazzando via dalla professione migliaia di avvocati, soprattutto i più giovani, redditualmente più deboli”. A dichiararlo è l’eurodeputato M5S Ignazio Corrao che, accogliendo il disappunto di migliaia di giovani avvocati italiani, ha posto con una interrogazione alla Commissione europea la questione relativa alla recente riforma dell’ordinamento forense.

“L’articolo 21 commi 8-9 della Legge 247/2012 di tale riforma – spiega Corrao – ha stabilito che l’iscrizione all’Albo professionale comporti la contestuale iscrizione alla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza Forense e l’obbligo di corrispondere i contributi previdenziali, a prescindere dalla capacità reddituale, pena la cancellazione dall’Albo stesso. Ciò comporta, ad esempio, che per i giovani avvocati, anche in assenza di guadagni, vi è l’obbligo di pagamento di circa 850 euro, a fronte del riconoscimento di soli sei mesi contributivi annui”.

“L’Italia – sottolinea l’eurodeputato siciliano – applica norme che tutelano gli interessi di pochi ricchi e potenti, scavalcando il più elementare buon senso e le vigenti norme europee, considerando che, in questo caso, tale riforma non solo scoraggia le giovani professionalità a esercitare un mestiere nobile e antico, ma agevola soltanto gli affermati professionisti che, sebbene abbiano raggiunto tale status per meriti acquisiti negli anni, avranno meno concorrenza considerando che molti avvocati rischiano di essere cancellati dall’albo professionale perché non hanno la possibilità di pagare tasse vuoto per pieno, a prescindere dal fatturato”.

L’eurodeputato si rivolge all’esecutivo di Bruxelles chiedendo “se non ritenga che la normativa italiana violi il principio di libera concorrenza ex artt. 101 e 102 TFEU e ostacoli l’accesso alla professione e libera circolazione dei servizi tutelata dagli artt. 106, 55 e ss. TFUE”. E ancora, si legge nell’interrogazione, “se non ritenga che la normativa violi l’art. 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea che vieta qualsiasi forma di discriminazione fondata anche sul carattere patrimoniale e infine se non ritenga utile uniformare la disciplina che regola l’accesso alla previdenza forense in tutti i Paesi UE”.

Iscriviti alla Newsletter (16465)

 

Guarda anche...

Ignazio Corrao

Lotta al traffico di stupefacenti, Corrao: l’Europa continua a ignorare la Direzione Nazionale Antimafia

Bruxelles, 18 Luglio 2015. Una proposta ai coordinatori della Commissione per le libertà civili, la …

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Risoluzione del PE: marò un caso dell’Unione europea. Adesso il rimpatrio!

Strasburgo, 15 gennaio 2015. Nella risoluzione comune approvata per alzata di mano, questa mattina nell’aula …

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi