Home | Artisti | Le luci della centrale elettrica: il video del brano ‘Ti vendi bene’, da oggi in radio
Vasco Brondi
Vasco Brondi

Le luci della centrale elettrica: il video del brano ‘Ti vendi bene’, da oggi in radio

Si concluderà giovedì 26 e venerdì 27 marzo al Magnolia di Milano (con due sold-out) il tour de LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA; un bel modo per finire il lavoro sul disco COSTELLAZIONI, pubblicato nel marzo 2014, che ha portato in dote più di settanta concerti e quasi cinquantamila spettatori totali.

E per aggiungere qualcosa di speciale a questo momento conclusivo, arriva oggi in radio il brano TI VENDI BENE, quarto singolo estratto dal disco dopo I DESTINI GENERALI, LE RAGAZZE STANNO BENE e QUESTO SCONTRO TRANQUILLO.

“Ti vendi bene è una canzone dedicata a questi anni disillusi e allo stesso tempo pieni di desideri da avverare – spiega Vasco Brondi – Una canzone dedicata anche a questi posti, a questa terra di santi, di poeti che muoiono di fame, di navigatori satellitari e di esploratori spaziali. Una canzone che quando iniziava durante i concerti faceva scatenare una festa, quell’idea di ballare sotto i bombardamenti che c’è in tutto il disco. E’ l’ultimo singolo di Costellazioni, è un saluto e contiene un augurio speciale: è una notte buia e meravigliosa, l’importante è che succeda qualcosa, qualsiasi cosa”.

Ad accompagnare il brano anche un videoclip realizzato dalla regista Annapaola Martin, che ha seguito gran parte del tour documentando l’atmosfera, l’energia e la magia che hanno contraddistinto ogni singolo concerto.

“Per questo video – racconta Vasco Brondi – c’era l’idea di raccogliere un anno di concerti, migliaia di chilometri e di incontri in quattro minuti di immagini. Rendere l’idea di questi concerti che sono stati dei riti liberatori”.

Nel video compaiono anche gli ospiti che hanno condiviso il palco con Vasco nel corso di questo anno di concerti: Federico Dragogna, Rachele Bastreghi, Giorgio Canali, Dente, Levante, Niccolò Carnesi e Maria Antonietta oltre ai musicisti che hanno suonato nelle tre tranche del tour, ovvero Ettore Bianconi, Sebastiano De Gennaro, Andrea Faccioli, Daniela Savoldi, Matteo Bennici e Paolo Mongardi.

Un anno di concerti divisi in tre blocchi distinti: la prima parte, il COSTELLAZIONI TOUR, dove “le luci della centrale elettrica erano come un’orchestrina spaziale. Con percussioni e beat elettronici, chitarre distorte e violoncello, moog e pianoforte”; la seconda parte più acustica con il COSTELLAZIONI A SUD, “un concerto particolare, minimale e irripetibile, in cui abbiamo provato a trasformare un limite in un’idea”; e infine il FIRMAMENTO TOUR, “concerti elettronici ma suonati con le braccia. Concerti disco-punk. Elettrici ed elettronici.”.

“Al termine del FIRMAMENTO TOUR – ha scritto qualche settimana fa Vasco Brondi sui suoi canali – mi fermerò per un bel po’. L’ultima volta mi sono fermato un paio di anni fino all’uscita di questo disco. Adesso non lo so, scriverò, viaggerò, suonerò ma senza fare concerti.
Costellazioni è uscito a marzo scorso, praticamente un anno fa e da allora mi sono dedicato interamente a quelle canzoni. Una cosa strana, un disco che portava dei cambiamenti è stato difficile ed è stato facilissimo e indispensabile”.

Iscriviti alla Newsletter (16376)

 

Vasco Brondi
Vasco Brondi
Vasco Brondi
Vasco Brondi

Guarda anche...

vasco-brondi

Le Luci della Centrale Elettrica in concerto all’Obihall di Firenze

Ultimo capitolo per Le luci della centrale elettrica. Vasco Brondi rimette nel cassetto il nome …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi