Home | Tempo d'Europa | Expo 2015, sicurezza alimentare sfida del futuro, Europa può e deve fare di più
Expo 2015
Expo 2015

Expo 2015, sicurezza alimentare sfida del futuro, Europa può e deve fare di più

Strasburgo, 4 maggio 2015. La plenaria di Strasburgo ha approvato con 420 voti a favore, 126 contrari e 20 astenuti la risoluzione “Nutrire il pianeta, energia per la vita” su Expo 2015. Grande soddisfazione è stata espressa da Paolo De Castro, coordinatore per il gruppo dei Socialisti e Democratici della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo e relatore permanente per Expo 2015 della stessa Commissione, il quale ha sottolineato come “il risultato ottenuto in Aula conferma l’impegno dell’Europarlamento su di un tema di portata mondiale come quello della sicurezza alimentare”.

“Cogliendo la sfida lanciata dall’esposizione universale – ha proseguito De Castro – la risoluzione fornisce alla Commissione un quadro articolato delle priorità sulle quali lavorare: ricerca di pratiche agronomiche innovative in grado di migliorare le rese riducendo al contempo l’impatto ambientale, una maggiore informazione ai cittadini e percorsi educativi su regimi e consumi alimentari equilibrati, riduzione dello spreco di cibo a tutti i livelli della catena di approvvigionamento, maggiore trasparenza e maggiore equità all’interno della filiera agroalimentare, misure volte a contrastare la crescente volatilità dei prezzi agricoli e il fenomeno del land-grabbing. La condivisione di questi temi – ha concluso De Castro – vuole offrire un contributo tangibile alla Carta di Milano e farà sì che la partecipazione delle istituzioni europee a Expo sia un’occasione di confronto partecipato e fattivo sulle reali esigenze e urgenze di un mondo in continua evoluzione, che chiede sempre più cibo, ma con meno risorse. La sfida per la sicurezza alimentare interroga le coscienze di tutti noi, e l’Unione europea può e deve fare di più. Ed Expo2015 sarà una straordinaria occasione per rafforzare questo impegno verso un futuro più sostenibile”.

“Agricoltura e ambiente sono temi strettamente collegati all’Expo 2015”, ha affermato Giovanni La Via (PPE). “Nelle vesti di presidente della Commissione Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare – continua l’eurodeputato – non posso non enfatizzare l’importanza di una migliore gestione dei sistemi agricoli attraverso pratiche agronomiche più efficaci, al fine di promuovere l’efficienza delle risorse e la sostenibilità agricola. Sostenibilità vuol dire mantenere inalterate nel tempo le risorse naturali, e questa è, senza dubbio, una delle più grandi sfide che dobbiamo affrontare perché non possiamo pensare di non lasciare, a chi verrà dopo di noi su questo pianeta, uno stock di risorse adeguato per produrre sempre più alimenti”.

“Non posso esimermi dal soffermarmi su di un tema attuale che riguarda il diritto imprescindibile all’alimentazione – ha proseguito La Via – Ritengo infatti che questo sia un diritto fondamentale dell’umanità e che possa ritenersi conquistato quando tutti potranno disporre, in qualsiasi momento, dell’accesso fisico ed economico ad alimenti sufficienti, sani e nutrienti, atti a soddisfare il fabbisogno nutrizionale e a consentire una vita sana e attiva”.

“Se da un lato, un numero sempre crescente di individui non ha un adeguato accesso al cibo, dall’altro, si registrano livelli paradossali di obesità, e malattie attribuibili a regimi alimentari squilibrati con danni sociali ed economici che hanno un impatto talvolta drammatico sulla salute umana. In questa sede ho ribadito quanto già affermato più volte sul tema degli sprechi alimentari. La scorsa legislatura abbiamo infatti presentato un rapporto di iniziativa e, qualche mese fa, assieme ad altri colleghi del Parlamento europeo, ho presentato una dichiarazione scritta sul tema del Food Waste”.

“Expo rappresenta una grande opportunità per incoraggiare gli Stati membri ad agire contro tali sprechi a ogni livello della catena di approvvigionamento alimentare, dal campo alla tavola, e per consentire di affrontare il tema della nutrizione al livello più elevato della conoscenza scientifica”.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

 

Guarda anche...

Paolo De Castro

Etichette a semaforo, De Castro: ‘Si tratta di un sistema che penalizza alcuni prodotti italiani e francesi’

“La risposta del commissario europeo all’industria, mercato interno e imprese Elżbieta Bieńkowska sul sistema di …

Paolo De Castro

Paolo De Castro: ‘Australia riveda politica protezionista sul pomodoro’

“L’Australia dovrà rivedere la sua politica protezionista sul pomodoro se non vorrà mettere a rischio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi