Home | In Eventi | Latina mare, Lettura sotto l’ombrellone conclusione degli incontri
Latina

Latina mare, Lettura sotto l’ombrellone conclusione degli incontri

Per venerdì 3 luglio, si registra l’ultimo incontro in calendario per la manifestazione culturale ‘Lettura sotto l’ombrellone’, al Baraonda Beach di Rio Martino a Latina Lido.
Il quinto e ultimo appuntamento metterà a confronto creatori della fantasia di ogni comparto, a partire dalle ore 18.30, con ingresso libero. Pertanto, Fabio Mundadori, Giorgio Bastonini, Daniela Rindi, Pierpaolo Cioeta e Alga Madia sono tre scrittori (dalla vena gialla e thrilling) e due professionisti della comunicazione, cioè la giornalista Alga Madia, e Pierpaolo Cioeta, organizzatore di incontri culturali.
Intanto, una nota di merito in favore del quarto incontro svoltosi il 30 giugno scorso, al quale hanno partecipato gli scrittori Simone Pozzati e Marco Isone. Anche in questa circostanza, ha avuto luogo la presentazione da parte degli autori con il successivo coinvolgimento del pubblico che ha interagito in modo appropriato con i discorsi scaturiti dai libri in evidenza sotto l’ombrellone, il tutto coordinato dalla valente regia del direttore artistico Gian Luca Campagna. “Labbra blu” ( Diamone Editrice) è il significativo libro che il giovane autore latinense Simone Pozzati ha presentato sulla scorta di racconti legati a “Nove personaggi contrapposti al vuoto fluire delle parole, un inno al silezio… con differenti intenti, ma fortemente affini.”
I cinque scrittori dell’ ultimo incontro del 3 luglio saranno perciò: Giorgio Bastonini, commercialista, classe ‘64, è a un esordio coraggioso pubblicando il romanzo ‘Un piemme non omologato in una storia di provincia’, un thriller ambientato a Latina, amplificando il malessere generale di una città che stenta a sottrarsi ai ricatti di una famiglia camorrista che detta legge in ogni dove, attraverso gli occhi e l’azione di un giovane procuratore arrivato nella città razionalista e subito alle prese con le storture di una comunità di provincia. Nel suo romanzo narra di Paolo Santarelli, un giovane pubblico ministero appena trasferito a Latina. Si muove in bicicletta, veste con maglioni extralarge e calza Sneakers, è imbranato con le donne ma sa affrontare i delinquenti, preferendo i modi spicci e gli interrogatori poco convenzionali. Convinto assertore che i vaffanculo ricevuti rendano più forti, gli vengono affidati due casi di omicidi irrisolti: quello di un giovane, smarritosi dietro un giro d’usura, estorsioni e spaccio di cocaina, e quello di un criminale incallito. Dalle indagini pare che il ragazzo sia finito sotto le grinfie del clan Romano, una famiglia di camorristi che tiene in scacco la città, perfettamente inserita nei suoi gangli sociali, tant’è che vanta la proprietà della squadra di calcio locale. Il clan usa l’arma del ricatto e l’arroganza per spadroneggiare in città: aiutato da un barista-tifoso, toccherà al piemme, tra imprenditori strozzati, nostalgici del Ventennio, magistrati pilateschi, maghrebini terrorizzati, cittadini omertosi, calciatori minacciati, a risolvere una brutta storia di provincia.
Fabio Mundadori presenterà Dove scorre il male con una nuova avventura del commissario Sammarchi. In una piovosa mattina d’autunno due writer e un immigrato clandestino vengono giustiziati nei pressi di un tratto di linea ferroviaria alle porte della Capitale. Una sera di circa dieci anni prima Riccardo Neri torna, come ogni giorno, tardi dal lavoro; a poche centinaia di metri da casa, il quartiere dove vive – il Q24 – viene spazzato via davanti ai suoi occhi, seppellendo tra le macerie migliaia di vittime, tra le quali il figlio Massimo. Bruno Belleri, un costruttore che deve la sua fortuna proprio alla realizzazione di un residence di lusso che sorge sulla stessa superficie del Q24, si sta preparando a lanciare il progetto Mediterranea, un’isola artificiale al largo di Lampedusa che dovrà ospitare gli immigrati clandestini. È in questo scenario che il commissario Sammarchi giunge in città per testimoniare all’udienza chiave del processo contro Michele Insegni, l’ingegnere che firmò il progetto del Q24: Sammarchi, allora ispettore, aveva partecipato prima ai soccorsi poi alle indagini dalle quali era stato allontanato con motivazioni non troppo chiare. In attesa dell’udienza il poliziotto viene subito coinvolto dal collega, il commissario Delfi, nelle indagini legate al triplice omicidio della ferrovia. Ma una nuova tragedia è dietro l’angolo e Sammarchi si ritroverà, suo malgrado, a risalire la corrente degli eventi e giungerà alla soluzione dell’enigma, svelando il piano di chi – per realizzare il suo progetto più ambizioso – non ha esitato a immergersi Dove scorre il male.
“E fu sera e fu mattina” di Daniela Rindi è il romanzo breve che mixa noir, horror, paranormale. Marta e sua figlia Irene di 4 anni tornano a casa dal supermercato, preparandosi a una lunga permanenza nel loro appartamento all’ottavo piano di un palazzo popolare. Irene sembra avere un inizio di varicella e la madre si prende dei giorni di ferie per accudire la figlia. Abbandonati praticamente da tutti, il padre diIrene tornato nel suo paese, la madre di Martascappata con l’ennesimo fidanzato più giovane di lei, senza amici, si apprestano a trascorrere la notte. Il giorno dopo un imprevisto e la piccola Irene sarà costretta a vivere un incubo. Un piccolo capolavoro  di Daniela Rindi, milanese, autrice e attrice.
Alga Madia, giornalista, direttrice del giornale online Essere Donna, e PierPaolo Cioeta, presidente del’associazione SmileLab che ha varato diverse iniziative (da mostre fotografiche al bookcrossing) , animeranno il confronto, intervenendo tra i vari scrittori presenti e proponendo la loro personale (e collettiva) idea di cultura. Gian Luca Campagna a proposito della manifestazione si è così espresso: “Quando non ci sono soltanto gli scrittori e gli autori nel talk show ecco che il salotto si trasforma in un’agorà interessante con scambi di opinioni e idee, col dibattito che si eleva per la qualità e l’incisività degli interventi. Per questo resta principale il concetto del confronto, tra tutti, tra chi anima la cultura, chi la osserva e chi ne fruisce”.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

 

Guarda anche...

blumetti-gianluca

Blumetti Gianluca serata di gusto tra spettacolo e gastronomia

A Latina mare, una serata di saporite ghiottonerie tra lo spettacolo teatrale dallo stringente titolo …

polo-universitario-di-latina

Polo universitario di Latina la Facoltà di Economia con Valore Impresa

Nella Facoltà di Economia, a Latina, l’interessante convegno, strutturato su diversi aspetti con un osservatorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi