Home | Tempo d'Europa | Riccardi, stimolare l’estroversione italiana nel mondo e accrescere l’italofonia
Andrea Riccardi
Andrea Riccardi

Riccardi, stimolare l’estroversione italiana nel mondo e accrescere l’italofonia

Roma, 19 luglio 2015. “La patria non è tutta dentro i confini materiali dello Stato”. Ricordando lo storico appello del 1889, su cui la Dante fonda fin da allora la propria missione, il neopresidente Andrea Riccardi ha presieduto il suo primo consiglio centrale della Società Dante Alighieri. Nel suo intervento ha delineato gli obiettivi per una politica di rilancio della lingua italiana nel mondo nel corso del suo incarico quadriennale.

“La Dante – come tutte le istituzioni culturali del nostro Paese – ha conosciuto nei due decenni trascorsi una stagione non facile, proprio per la costante riduzione dell’appoggio e del finanziamento dello Stato – ha dichiarato il Presidente nel suo discorso – aggiungendo che “c’è stato uno spaesamento e un indebolimento di istituzioni come la nostra che operavano su campi internazionali e nazionali consolidati. È lo spaesamento più generale indotto nella politica e nella vita quotidiana dai mutamenti radicali degli ultimi due decenni. Il processo di globalizzazione ha gettato la società italiana in un orizzonte senza frontiere, con nuove competizioni e sfide… Tuttavia, proprio negli anni 90, la politica italiana ha attraversato una lunga e complessa transizione, con fenomeni di ripiegamento, che non hanno certo favorito l’ambientazione del nostro Paese sugli scenari del mondo, anzi hanno favorito l’introversione”.

“La frontiera della lingua, del suo insegnamento, della simpatia per l’Italia e l’italianità hanno registrato subito questo delicato fenomeno. Hanno sofferto e soffrono di questa introversione. La nostra attività si colloca proprio nella prospettiva dell’estroversione italiana”. Il presidente Riccardi non ha dubbi: sono l’italofonia e l’italsimpatia gli obiettivi su cui puntare per stimolare meglio l’estroversione italiana nel mondo globale.

La discussione ha visto, tra gli altri, gli interventi del sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, del direttore generale per la Promozione del Sistema Paese del MAE, Andrea Meloni, del vicepresidente Paolo Peluffo, di Francesco Sisinni e di Lucio Caracciolo. In sintonia con il pensiero del Presidente, Paolo Peluffo e Lucio Caracciolo hanno proposto i “moltiplicatori” di uno sviluppo della italofonia e italofilia. La Dante, come ha affermato il direttore di Limes, potrebbe puntare sui nuovi giovani per promuovere un progetto che vedrebbe gli studenti italiani residenti all’estero precettati perché diventino “antenne” in loco e con loro creare club.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

 

Guarda anche...

Giovanni Boccaccio

Il Decameron in 100 tweet, concorso della Dante per il 700° compleanno di Boccaccio

Roma, 2 agosto 2013. Il 700° compleanno di Giovanni Boccaccio merita un festeggiamento particolare. Lo …

Società Dante Alighieri

La “Dante” e i giovani: il futuro dell’italiano ha radici antiche

Grosseto, 20 maggio 2013. Oltre 200 studenti, provenienti dai comitati nazionali ed esteri della Società …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi