Home | Eventi | Genesis Piano Project alla Versiliana
Genesis-Piano-Project

Genesis Piano Project alla Versiliana

Esiste da tempo la diatriba se la musica dei Genesis, non solo derivi, ma abbia anche valenza di musica classica. Adam Kromelow e Angelo Di Loreto offrono il loro contributo attraverso il Genesis Piano Project (giovedì 30 luglio ore 21,30 alla Versiliana di Marina di Pietrasanta – Lucca ) che rielabora in chiave acustica il miglior repertorio della storica formazione britannica. Niente voce e niente effetti, ma solo il suono di due pianoforti. E tutto pare uscito davvero dalla penna di qualche nome noto della classica novecentesca.

Entrambi con impeccabile curriculum alle spalle, Adam e Angelo si sono conosciuti alla Manhattan School of Music di New York. L’idea del Genesis Piano Project ha preso forma in parallelo alle loro carriere solistiche nel mondo del jazz e della contemporanea. Già ben avviate: All About Jazz ha definito Kromelow “The real deal” e il Buffalo News “A sensational pianist, and brilliant young musician”, mentre Di Loreto ha vinto per ben tre volte il premio ASCAP per la miglior composizione jazz.

Con Genesis Piano Project i due pianisti offrono la possibilità recepire la musica di Banks, Hackett, Rutherford, Collins e Gabriel, nella sua effettiva essenza, aldilà delle messe in scene teatrali, degli emuli canori e dei fumi di ghiaccio.

Il live si dipana attraverso pietre miliari come “Watcher Of The Skies”, “Lamia”, “Dance On A Volcano”, “Firth Of Fifth”, “Supper’s Ready”, “Carpet Crawlers”, donando nuova luce ad album entrati nella storia quali “Foxtrot”, “The Lamb Lies Down On Broadway”, “Nursery Cryme”…

Spiegano i due: “La musica dei Genesis, secondo noi, é scritta e arrangiata così perfettamente che si rovinerebbe se cambiassimo qualsiasi dettaglio. Cerchiamo quindi di ricreare i brani il più possibile vicini alle versioni originali.

La parte più eccitante di questo progetto é che ogni volta che lavoriamo su un arrangiamento scopriamo qualcosa di nuovo in queste canzoni anche se le abbiamo ascoltate per anni. Per esempio, Steve Hackett ha una sorprendente contro-melodia durante il chorus di The Lamia. E’ molto divertente provare ad incorporare tutti questi piccoli dettagli nei nostri arrangiamenti. A volte dobbiamo lasciar fuori qualcosa, ma facciamo del nostro meglio per includere tutto quello che possiamo”.

I Genesis Piano Project hanno dato alle stampe proprio in questi giorni il cd “Live in Italy” registrato lo scorso autunno durante il precedente tour italiano.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

 

Guarda anche...

Genesis Piano Project

Genesis Piano Project, giovedì allo Spazio Alfieri di Firenze

Esiste da tempo la diatriba se la musica dei Genesis, non solo derivi, ma abbia …

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi