Home | Moda | ‘Der Migrant’ lo shooting fotografico che fa scandalo
Der-Migrant

‘Der Migrant’ lo shooting fotografico che fa scandalo

Si chiama ‘Der Migrant’ (in tedesco ‘il migrante’) lo shooting fotografico che ha fatto scandalo in Ungheria. Nelle foto le modelle sono immortalate davanti a una recinzione con filo spinato, vestite da profughi ma con uno smartphone in mano.
Sul fotografo Baksa Norbert sono piovute critiche da tutto il web. Il servizio è stato accusato di strumentalizzare la sofferenza di chi fugge dalla guerra per raggiungere l’Europa.

Il fotografo si difende sulla sua pagina Facebook chiarendo che il suo intento era quello di portare alla luce le contraddizioni insite nel problema dell’immigrazione. “L’intento era solo offrire un punto di vista diverso da quello che offrono i media”, spiega il fotografo.

Chiarisce poi il nome dello shooting. “E’ in tedesco perché la maggior parte dei migranti sono diretti verso la Germania, prima potenza europea”.

Iscriviti alla Newsletter (16713)

 

Guarda anche...

aldo-montano

Coppa del Mondo sciabola: in Ungheria tornano in pedana Montano e Occhiuzzi

Fa tappa a Gyor, in Ungheria, il circuito di Coppa del Mondo di sciabola maschile. …

pier-carlo-padoan

Pier Carlo Padoan: “L’Europa deve scegliere da che parte stare”

“L’Europa deve scegliere da che parte stare. Può accettare il fatto che il nostro deficit …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi