Home | Interviste | “Della fatal quiete”: il progetto di Beppe Giampà che veste di suono la poesia italiana dell’Ottocento
Beppe-Giampa-

“Della fatal quiete”: il progetto di Beppe Giampà che veste di suono la poesia italiana dell’Ottocento

Un percorso improntato sulla contaminazione fra musica e letteratura, ecco come si potrebbe sintetizzare il cammino artistico del cantautore piemontese Beppe Giampà. Sì, perché questa è ormai la sua cifra stilistica, che lo rende più di un cantautore: un attento divulgatore di suoni e di poesia. È già riuscito in questa impresa (per niente semplice) pubblicando nel 2012 l’album I mattini passano chiari, in cui ha messo in musica i versi di Cesare Pavese, e con i reading dedicati a due grandi della letteratura americana come John Fante e Charles Bukowski. Ma ora Beppe ha deciso di lasciare il Novecento per aprire una porta sul secolo precedente, focalizzandosi sui versi dei grandi poeti italiani dell’Ottocento: Ugo Foscolo, Giacomo Leopardi, Giosuè Carducci, Giovanni Pascoli, fino a Dino Campana. Il suo nuovo progetto musico-letterario si intitola infatti Della fatal quiete, dal primo verso della foscoliana Alla sera. Giampà ha deciso di donare alle poesie di questi autori una nuova anima e una prospettiva inedita, vestendole di melodia e suoni. Per finanziare il progetto ha scelto di coinvolgere il pubblico, attivando una campagna di crowdfunding che permetterà ai partecipanti di avere una serie di ricompense personalizzate.
Beppe, come mai hai deciso di prendere in considerazione le opere dei poeti italiani dell’Ottocento?
Arrivo da un album dedicato a Cesare Pavese e quindi alla poesia del Novecento. Andare indietro nel tempo, inoltrandomi tra le metriche più complesse dell’Ottocento, rappresentava una nuova sfida. L’impresa più ardua è stata infatti quella di musicare una poesia di quel secolo senza cambiarne una virgola.
Quale criterio hai usato nella scelta delle composizioni poetiche da musicare?
Ho seguito il richiamo artistico e sentimentale. Si tratta dei versi di cui mi sono innamorato sui banchi di scuola. Quelli che quotidianamente mi hanno sfiorato e ancora oggi mi colpiscono, a cominciare da L’infinito e Alla sera. Rileggendole nell’età della maturità assumono una forma nuova, donandomi sensazioni inedite. Alla sera è una delle mie preferite e il verso ‘della fatal quiete’ l’ho scelto come titolo perché oggi mi trasmette un’immensa pace interiore.
Oltre al disco, cosa riceveranno i partecipanti alla campagna di crowdfunding ?
Sul sito www.becrowdy.com c’è una lista dettagliata e ognuno, fino al 2 dicembre, avrà la possibilità di scegliere la propria ricompensa per aver sostenuto il progetto. Si potrà ottentere una copia del disco con dedica personalizzata, una maglietta, album presenti nella mia discografia. E poi c’è la possibilità di organizzare un concerto di presentazione del lavoro, anche nelle scuole, nelle biblioteche e negli spazi gestiti da associazioni culturali.
Credi che il crowdfunding possa rappresentare il futuro della discografia?
È molto probabile che diventi la forma di finanziamento del domani, un’alternativa al mercato discografico ‘ufficiale’, anche perché ti dà la possibilità di coinvolgere tutte le persone interessate a un progetto. Mi piace l’idea di fare rete per un bene comune e costruire con altri un nuovo lavoro.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

 

Guarda anche...

poesia

Concorso per la poesia edita del Premi Antonio Fogazzaro

C’è tempo fino al 3 maggio per partecipare al concorso dedicato alla poesia edita in …

Beppe-Giampa

‘Della fatal quiete’, l’impresa (riuscita) di Beppe Giampà

Impresa riuscita. È questo il primo pensiero che ho avuto dopo aver ascoltato Della fatal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi