Home | Band | Slaves of Love and Bones esce oggi ‘Real Fake Music’
Slaves-of-Love-and-Bones-

Slaves of Love and Bones esce oggi ‘Real Fake Music’

Il fascino del Moderno e dell’(ancora) inesplorato stimola i S.O.L.A.B. ad immergersi nello straordinario mondo dell’Elettronica.
Sequencer, campionamenti, pad, synth,macchine di ogni genere dividono la scena con sonorità di stampo Rock caratterizzate da tempi serrati e vorticose modulazioni armoniche.
La struttura dei sette brani prende a modello l’immortale scuola del Pop: sobria, diretta, incisiva. Lo stile è eclettico, cerca di sviare i classici raggruppamenti di genere, adottando diverse soluzioni sonore. Viene fuori una musica ibrida prodotta da sorgenti concrete, tangibili, reali ma allo stesso tempo inconsistenti, innaturali, fittizie. Un vero paradosso come quello che indica il titolo dell’Ep: Real Fake Music.
La voce ricama le composizioni con melodie incisive che si muovono tra tra le luci e le tenebre. I testi raccontano l’uomo e il suo rapporto con la contemporaneità: la nuova cultura digitale, il cambiamento dei rapporti interpersonali, la comunicazione e l’incomunicabilità dei nuovi media, le mille forme che il mondo sensibile può assumere diventando invisibile.
ll progetto Slaves of Love and Bones nasce agli inizi del 2013, nel cuore della città di Avellino. Il primo lavoro è Liar, concept album autoprodotto, sintesi delle esperienze maturate negli anni dai membri della band. L’album parla di uomini, di sogni, di vita, di maschere e apparenze: della bugia a cui tutti appartengono.
La Band a partire dal marzo dello stesso anno si esibisce in numerosi club nostrani, è ospite sullo stage principale del Taurasi Festival (AV) e divide il palco con diverse band di rilievo nella scena indipendente, tra cui Foja, Management del dolore post operatorio, Zippo e molti altri.
L’entusiasmo maturato da queste esperienze spinge la band a cercare nuove collaborazioni. Di lì a poco, l’incontro con Francesco Tedesco e la sua I make records, dà il via alla co-produzione del loro Ep di debutto ufficiale, Real Fake Music, in uscita ad Novembre 2015.
Gli orizzonti creativi e le visioni sonore dei S.O.L.A.B. si orientano ora verso universi elettronici e atmosfere sintetiche, ma senza abbandonare l’antica attitudine impulsiva e selvaggia. Si unisce al gruppo Claudio La Sala, già chitarrista e producer di numerosi progetti, che incoraggia lo studio e la ricerca di nuove sonorità.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

 

Guarda anche...

Slaves-of-Love-and-Bones-

‘Real Fake Music’: intervista agli Slaves of Love and Bones

Il fascino del Moderno e dell’(ancora) inesplorato stimola gli Slaves of Love and Bones ad …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi