Home | In Sport | Ungheria Team Kajak in allenamento a Sabaudia
Istvan-e-il-Team-Ungherese-di-canoa

Ungheria Team Kajak in allenamento a Sabaudia

Tempo di allenamenti per le squadre nazionali ed estere sulle tranquille acque del lago di Sabaudia. Le belle giornate permettono ai diversi team di godere del calmo e piatto bacino e così trascorrere molto tempo nella pratica degli sport remieri in preparazione per i prossimi appuntamenti sportivi. “E’ stato un periodo molto favorevole con un tempo buono, un clima caldo e l’ambiente molto propizio” così il coach Istvan Morocz ha commentato i giorni trascorsi a Sabaudia con un selezionato gruppo di atlete ungheresi di Budapest. “ L’accoglienza è risultata positiva come negli anni passati presso l’Hotel Oasi di Kufra – prosegue il tecnico della squadra – e così dicasi per il soggiorno trascorso a contatto degli ambienti del Circolo Canottieri Sabaudia. Ci siamo allenati sul lago di Paola con la giusta forza e programmata frequenza e adesso siamo pronti a rientrare soddisfatti per quanto realizzato tutti insieme”. Le positive parole dell’attento allenatore evidenziano il lavoro che da anni la Federazione Ungherese di canoa kajak persegue venendo in Italia e facendo riferimento alla località dell’Agro pontino, dai più considerata come il centro nazionale degli sport remieri. In questo periodo tutto l’impegno è riversato su queste giovani atlete che hanno al loro attivo una splendida carriera ed una solarità femminile mista ad una tenace grinta sportiva. Il gruppo delle dinamiche atlete è perciò formato da autentiche protagoniste della specialità della canoa kajak, a cominciare dalla biondissima Vad Ninetta, campionessa mondiale W.C. nel K4-500 mt e nel K2 – 200 mt., per proseguire con Bara Alexandra, campionessa W.C. nella Maratona K2, altra giovane canoista è Siman Fanni, che ha ottenuto successi nel W.C. K-4 e K-2. Rientrati in Ungheria, la stagione sportiva proseguirà con le competizioni e con la preparazione ottenuta a contatto della realtà italica.

Iscriviti alla Newsletter (16717)

 

Guarda anche...

pier-carlo-padoan

Pier Carlo Padoan: “L’Europa deve scegliere da che parte stare”

“L’Europa deve scegliere da che parte stare. Può accettare il fatto che il nostro deficit …

Patrizia Toia

Ungheria: Toia, la miccia xenofoba non si è accesa. Orban non convince più

“Il fallimento del referendum ungherese sui rifugiati è il fallimento della propaganda razzista portata avanti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi