Home | Eventi | Gonjasufi in Italia a maggio per due date

Il folle e geniale musicista sciamano Sumach Valentine, in arte Gonjasufi, arriva in Italia per due date per presentare la sua originalissima miscela di psichedelia, hip hop e funk.

Che di mezzo ci fosse qualcosa di un po' mistico un po' assurdo lo si capì dalla prima, primissima uscita: un 7 pollici (il formato del vecchio 45 giri) che conteneva un libretto di una ventina di pagine con dentro il suo “libretto di preghiere” (“Holidays / Candylane”, fine 2009). E quello che arrivò dopo, gli altri singoli e soprattutto l'intero album
“A Killer & A Sufi” (2010), uscito sulla leggendaria label inglese Warp, non fecero che confermare che si aveva a che fare con un personaggio veramente folle.

Folle, ma anche geniale e assai affascinante nello scegliersi i panorami sonori di accompagnamento: Gonjasufi è sì lo strano figuro con la barba che assalta il microfono lanciandosi in ipnotiche derive dove il cantautorato è destrutturazione ed invettiva, ma è anche il leader di un progetto che ha radunato alcune delle migliori menti della nuova generazione di beatmaker californiani, a partire da Flying Lotus, Gaslamp Killer e Mainframe, e che successivamente ha chiamato a raccolta per una versione alternativa del suo lp d'esordio nomi nobili dell'elettronica più intelligente quali Mark Pritchard, Braodcast, Bibio, Oneohtrix Point Never (nel bellissimo “The Caliph's Tea Party”, uscito a fine 2010).

Dal vivo Sumach Valentine – questo il suo nome all'anagrafe – è una presenza scenica particolarissima. Finora in Italia si era esibito solo nell'edizione 2010 del festival romano Dissonanze, diventando subito beniamino degli spettatori ma anche degli altri musicisti presenti al festival (la maglietta con la sua effige è un must...). Ora ha alzato ancora di più l'asticella della sfida artistica: sempre più sicuro dei suoi mezzi, torna nel nostro paese con una vera e propria band, per tradurre in modo ancora più complesso e straniante le sue intuizioni mistico-sonore, dove hip hop e funk digitale incontrano la musica devozionale o le allucinazioni da deserto californiano.

 

20 maggio 2011 – Link – Bologna – superCONCEPT
via Fantoni 21, Bologna

21 maggio 2011 – Il Cortile della Farmacia – Torino
Via Giolitti 36, Torino
In collaborazione con Associazione Culturale Situazione Xplosiva e Musica 90




Gonjasufi in Italia a maggio per due date

Il folle e geniale musicista sciamano Sumach Valentine, in arte Gonjasufi, arriva in Italia per due date per presentare la sua originalissima miscela di psichedelia, hip hop e funk.

Che di mezzo ci fosse qualcosa di un po’ mistico un po’ assurdo lo si capì dalla prima, primissima uscita: un 7 pollici (il formato del vecchio 45 giri) che conteneva un libretto di una ventina di pagine con dentro il suo “libretto di preghiere” (“Holidays / Candylane”, fine 2009). E quello che arrivò dopo, gli altri singoli e soprattutto l’intero album
“A Killer & A Sufi” (2010), uscito sulla leggendaria label inglese Warp, non fecero che confermare che si aveva a che fare con un personaggio veramente folle.

Folle, ma anche geniale e assai affascinante nello scegliersi i panorami sonori di accompagnamento: Gonjasufi è sì lo strano figuro con la barba che assalta il microfono lanciandosi in ipnotiche derive dove il cantautorato è destrutturazione ed invettiva, ma è anche il leader di un progetto che ha radunato alcune delle migliori menti della nuova generazione di beatmaker californiani, a partire da Flying Lotus, Gaslamp Killer e Mainframe, e che successivamente ha chiamato a raccolta per una versione alternativa del suo lp d’esordio nomi nobili dell’elettronica più intelligente quali Mark Pritchard, Braodcast, Bibio, Oneohtrix Point Never (nel bellissimo “The Caliph’s Tea Party”, uscito a fine 2010).

Dal vivo Sumach Valentine – questo il suo nome all’anagrafe – è una presenza scenica particolarissima. Finora in Italia si era esibito solo nell’edizione 2010 del festival romano Dissonanze, diventando subito beniamino degli spettatori ma anche degli altri musicisti presenti al festival (la maglietta con la sua effige è un must…). Ora ha alzato ancora di più l’asticella della sfida artistica: sempre più sicuro dei suoi mezzi, torna nel nostro paese con una vera e propria band, per tradurre in modo ancora più complesso e straniante le sue intuizioni mistico-sonore, dove hip hop e funk digitale incontrano la musica devozionale o le allucinazioni da deserto californiano.

 

20 maggio 2011 – Link – Bologna – superCONCEPT
via Fantoni 21, Bologna

21 maggio 2011 – Il Cortile della Farmacia – Torino
Via Giolitti 36, Torino
In collaborazione con Associazione Culturale Situazione Xplosiva e Musica 90

Iscriviti alla Newsletter (17.282)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi