Home | Tempo d'Europa | La Camera di Commercio belgo-italiana capofila in europrogettazione
matteo-lazzarini

La Camera di Commercio belgo-italiana capofila in europrogettazione

Bruxelles, 24 gennaio 2016. Le Camere di Commercio italiane all’estero portano l’europrogettazione nel mondo.  Quella dell’europrogettista è riconosciuta come una delle nuove professioni fortemente in crescita: sono sempre più numerose le aziende, ma anche le pubbliche amministrazioni, che decidono di affidarsi a questo esperto per il partecipare ai numerosi bandi pubblicati dalle Istituzioni europee.

Con il termine europrogettazione si indicano tutte le attività necessarie e strumentali alla stesura e alla gestione dei progetti europei, delle proposte di finanziamento indirizzate all’Unione europea, in risposta ai bandi che essa pubblica quasi quotidianamente. L’europrogettazione può interessare tanto gli enti pubblici (statali e locali, compresi gli enti economici e di ricerca, le università e le camere di commercio), che i privati (aziende, associazioni, fondazioni) ed è spesso indicata come uno dei “giacimenti occupazionali” più promettenti.

La figura dell’europrogettista ha una natura polivalente: scrittore, narratore, contabile, lobbista, artista, addetto alle relazioni esterne, responsabile per l’amministrazione e la rendicontazione finanziaria, formatore, organizzatore di eventi, referente per le comunicazioni istituzionali! Le sue competenze includono anche la conoscenza di almeno due o tre lingue, tra le quali l’inglese, una familiarità con la programmazione finanziaria europea, una spiccata capacità di comunicazione interculturale, competenze economiche, tecniche e giuridiche, nonché qualità come intraprendenza, resistenza allo stress e spirito di squadra.

La Commissione europea cofinanzia progetti in numerosi settori tra i quali la cultura, l’ambiente, lo sviluppo rurale, le PMI, le politiche sociali. E non sono solo i Paesi dell’UE a poter beneficiare dei fondi, ma i programmi europei di cooperazione internazionale permettono anche di implementare progetti di sviluppo in tutto il mondo. In questo senso, le Camere di Commercio italiane all’estero (CCIE) svolgono sempre più spesso una funzione di collegamento tra l’Unione, le imprese italiane e i mercati esteri, supportando le PMI nel loro processo di internazionalizzazione.

Le CCIE sono associazioni di imprenditori e professionisti presenti in 54 paesi nel mondo, con 140 uffici e più di 18.000 imprese associate. Oltre venti Camere di Commercio hanno beneficiato di finanziamenti europei, contribuendo alla realizzazione di oltre 86 progetti in tutto il mondo e in diversi settori.

“Negli ultimi due anni le CCIE hanno contribuito alla crescita del Sistema Italia a livello internazionale partecipando a 30 progetti europei e coinvolgendo oltre 150 imprese nei settori più diversi”, conferma Matteo Lazzarini, segretario generale della Camera di Commercio belgo-italiana a Bruxelles. “L’Italia è ai primi posti per numero di enti e imprese che beneficiano di finanziamenti europei, e spesso a fare da capofila dei partenariati internazionali sono proprio i nostri enti camerali all’estero che, nel settore dell’europrogettazione, hanno raggiunto dei livelli di eccellenza”.

In particolare, la Camera di Commercio belgo-italiana scrive e gestisce progetti europei, come capofila o partner, nei settori della formazione, dell’imprenditoria giovanile, del turismo e della cooperazione internazionale.

Nel 2015 il progetto Open Eye del programma Erasmus per giovani imprenditori è stato inserito tra i migliori progetti europei dell’anno posizionandosi in quelli di “fascia alta”. Pel periodo 2011-2017, è in atto un contratto di assistenza tecnica in Palestina, Giordania e Israele nel settore della formazione.

Da alcuni anni la Camera di Commercio belgo-italiana ha deciso di condividere la sua esperienza diretta di europrogettazione, soprattutto con il pubblico italiano, attraverso corsi di formazione tematici e fortemente orientati a un approccio pratico. Master e corsi brevi hanno permesso a quasi 2.000 partecipanti di muovere i primi passi nell’europrogettazione e di acquisire le competenze e le conoscenze utili per diventare europrogettisti. E’ possibile approfondire e ottenere ulteriori informazioni navigando sul sito www.masterdesk.eu.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

 

Guarda anche...

incontro-culturale-erasmus-2016

Incontro Culturale Erasmus 2016

Si è tenuta ieri la conferenza di apertura dell’Incontro Culturale Erasmus 2016, presso la Sala …

Silvia-Costa

Incidente ragazze Erasmus in Spagna: archiviato il procedimento penale

“Lascia davvero sconcertati la conclusione della giudice spagnola che ha archiviato l’inchiesta sul gravissimo incidente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi