Home | Televisione | Presadiretta domenica 13 marzo su Rai3: la storia del farmaco salvavita contro l’epatite C e ‘Che fine ha fatto il sud’
Presadiretta

Presadiretta domenica 13 marzo su Rai3: la storia del farmaco salvavita contro l’epatite C e ‘Che fine ha fatto il sud’

Domenica 13 marzo alle 21.45 su Rai3 ancora due inchieste per la prossima puntata di PRESADIRETTA. Nella prima parte la storia di un farmaco eccezionale, un salvavita, che però è così costoso da mettere in discussione l’accesso alle cure garantito a tutti dalla nostra Costituzione. E allora, come si forma il prezzo di un farmaco? Nella seconda pagina un viaggio nel Sud del lavoro, tra i giovani e le famiglie in difficoltà, tra le imprese, quelle che faticano e quelle che ce la fanno.

CARO FARMACO. La chiamano il “killer silenzioso”. E’ l’Epatite C. Per anni non mostra sintomi e poi di colpo si sveglia e colpisce con complicazioni anche gravissime per la salute e ogni anno uccide 10mila italiani.
Esiste un farmaco in grado di curarla, ma è costosissimo e il Servizio Sanitario non ce la fa a darlo gratuitamente a tutti quelli che ne hanno bisogno. L’Agenzia Italiana per il farmaco ha chiuso un accordo con la multinazionale americana che lo produce per la fornitura di 50mila trattamenti, solo per i casi più gravi. E tutti gli altri?
Le storie di chi quel farmaco lo ha preso, di chi lo aspetta, di chi se lo procura a modo suo. E ancora, come si determina il prezzo di un farmaco che può salvare la vita?
Le telecamere di PRESADIRETTA sono andate negli Stati Uniti, dove l’azienda che commercializza il farmaco che cura l’Epatite C è stata accusata dal Congresso americano di massimizzare i profitti fregandosene dei pazienti. L’azienda risponde per la prima volta, in esclusiva mondiale, a PRESADIRETTA.
E presto ne arriveranno altri di farmaci innovativi, miracolosi, ma costosissimi: cosa succederà ai sistemi sanitari pubblici di tutto il mondo occidentale?

CHE FINE HA FATTO IL SUD? Ma che fine ha fatto il Sud, che sembra scomparso dall’agenda della politica? Napoli, la quarta provincia italiana per numero di imprese. Eppure i numeri che raccontano la flessione dell’occupazione, le infrastrutture obsolete, le aree industriali che si svuotano, sono un campanello di allarme di una crisi non più prorogabile. Il Porto di Napoli, la prima realtà economica della regione Campania, potrebbe fare da volano alla ripresa. Cosa lo impedisce?
La Puglia è stata la prima Regione italiana a istituire il reddito di dignità per le famiglie più bisognose, come si fa nel resto d’Europa. Al Sud infatti un italiano su tre è a rischio povertà, solo a Bari il numero dei poveri è raddoppiato negli ultimi anni, anche se le iniziative di contrasto alla povertà, pubbliche e private, si sono moltiplicate.

“CARO FARMACO ” e “CHE FINE HA FATTO IL SUD?” sono un racconto di Riccardo Iacona con Alessandro Macina, Danilo Procaccianti, Fabrizio Lazzaretti, Massimiliano Torchia, Marina Del Vecchio.

Iscriviti alla Newsletter (16713)

Guarda anche...

Foto di Toni Thorimbert

Ligabue: domenica ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”

Domenica 4 dicembre LUCIANO LIGABUE sarà ospite di Fabio Fazio a “Che Tempo Che Fa” …

presadiretta

PresaDiretta: il 26 settembre su Rai3 ultima puntata della stagione autunnale

Lunedì 26 settembre alle ore 21.10 andrà on onda su Rai3 l’ultima puntata della stagione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi