Home | Band | Stalker: esce ‘Hai più di un’ombra’
Stalker

Stalker: esce ‘Hai più di un’ombra’

Hai più di un’ombra è il potente esordio del combo meneghino formato da ex membri di Corrosione e Fratelli Calafuria.

Un caleidoscopio sonico che affonda le radici nella scena punk-hardcore per poi allargare lo spettro di genere ad esplosioni pop e inserti di elettronica contemporanea.
STALKER è una creatura che si nutre delle influenze più disparate, un caleidoscopio sonico che affonda le radici nella scena punk-hardcore meneghina in cui militavano I due fondatori – Fede “Vesu” Valsecchi e Fabrizio “Bicio” Grenghi erano l’anima dei Corrosione – per poi allargare lo spettro di genere ad esplosioni pop e inserti di elettronica contemporanea.

Come descrive lo stesso Vesu: “Abbiamo cercato una formula musicale che potesse essere accessibile non solo a chi apprezza i generi alternativi, ma anche ad un ascoltatore abituato all’airplay italiano. Con 7 note e 21 lettere dell’alfabeto si accede ad infinite combinazioni e tra queste abbiamo cercato di dare vita a canzoni che oltrepassassero quei confini di genere probabilmente obsoleti nel Terzo Millennio”.

Il loro debut album si intitola “Hai più di un’ombra” e nel corso della tracklist incarna questo manifesto programmatico sino ad arrivare ad una sorta di stoner rock, originale perchè caratterizzato da atmosfere metropolitane anziché desertiche. I brani contenuti sono stati scritti da Vesu e Bicio a partire dal 2008 e si sono evoluti nel corso degli anni anche in conseguenza dei vari cambi di line-up, che oggi conta tra le sue fila Antonio “Tato” Vastola (ex Fratelli Calafuria) dietro ai tamburi, Simone Pavan alla chitarra e Francesco “Rama” Ramaccioni al basso.

I testi di Vasu descrivono ricordi, stati d’animo, paranoie, alterazioni reali e indotte, amori passati, amori presenti, rimorsi, rabbia e desideri. “Nel raccontare una parte di me descrivo frangenti di vita comuni ai più in determinati momenti della propria vita”.Alcuni concetti racchiusi nelle liriche sono espressi in chiave volutamente ironica e sono talvolta più diretti e talaltra introversi ed ermetici, ma sempre col dono di restare comprensibili.

“Hai più di un’ombra” è stato registrato nel maggio del 2013 negli studi Massive Arts (il più grande centro musicale italiano) di Milano proprio quando il precedente bassista degli STALKER decide di uscire dal gruppo. Un momento cruciale che ha portato il combo a registrare in trio scegliendo la via della registrazione in presa diretta per ottenere un risultato scevro da fronzoli e più aderente al notevole impatto live.

Iscriviti alla Newsletter (16711)

Guarda anche...

Stalker

Intervista agli Stalker per l’uscita di ‘Hai più di un’ombra’, il potente esordio del combo meneghino

Stalker è una creatura che si nutre delle influenze più disparate, un caleidoscopio sonico che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi