Home | In Attualità | Maxi blitz della polizia nel più grande bordello di Berlino
berlino

Maxi blitz della polizia nel più grande bordello di Berlino

Maxi retata della polizia tedesca all’Artemis, una delle più grandi e note case di tolleranza di Berlino. L’operazione, alla quale hanno partecipato circa 900 agenti, si è conclusa con 6 arresti per accuse che vanno dal traffico di esseri umani alla frode fiscale.

La retata della polizia fa seguito a mesi di indagini: i responsabili dell’Artemis sono accusati di avere evaso circa 17,5 milioni di euro in mancati pagamenti previdenziali a partire dal 2006.

Secondo i magistrati, riporta la ‘Bbc’, le prostitute e lo staff della casa chiusa erano costretti a dichiararsi lavoratori autonomi per consentire l’evasione dei contributi previdenziali. In Germania la prostituzione è stata legalizzata nel 2002, creando un’industria il cui fatturato annuo è stimato in circa 16 miliardi di euro.

Iscriviti alla Newsletter (16493)

Guarda anche...

Lollapalooza-Berlin

Tra arte e vita: il Lollapalooza Berlin è il festival che ti mette al centro del mondo

Quest’anno, con la terza edizione che si terrà il 9 e il 10 Settembre, il …

AGMgermany

ESN celebra a Berlino il trentesimo anniversario dell’Erasmus

Dal 20 al 24 Aprile 2017, Berlino ospiterà l’Annual General Meeting di Erasmus Student Network, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi