Home | Tempo d'Europa | Elisabetta Gardini: ‘Aria più pulita e imprese più competitive’
Elisabetta-Gardini

Elisabetta Gardini: ‘Aria più pulita e imprese più competitive’

La Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare (ENVI) del Parlamento europeo ha approvato oggi all’unanimità l’accordo finale raggiunto con il Consiglio sulla proposta di regolamento relativo alle prescrizioni in materia di limiti di emissione e di omologazione per i motori a combustione interna destinati alle macchine mobili non stradali.

“Il voto di oggi rappresenta il risultato di un lungo lavoro dei due co-legislatori e un passo significativo nella giusta direzione. Si tratta di un regolamento di grande importanza in quanto questi motori sono responsabili di circa il 15 % delle emissioni di NOx e del 5 % delle emissioni di particolato nell’UE. Grazie al risultato delle negoziazioni dei triloghi, confermato oggi, siamo riusciti a trovare il giusto equilibrio tra la protezione dell’ambiente, della salute dei cittadini e della competitività dell’industria europea”, ha affermato la relatrice Elisabetta Gardini, membro della Commissione ENVI.

Il nuovo regolamento sulle macchine mobili non stradali (NRMM) riguarderà tutti i tipi di motori a combustione installati su macchine che vanno dalle piccole apparecchiature portatili, alle macchine da cantiere (come le gru), ai gruppi elettrogeni, alle automotrici e locomotive, alle navi per la navigazione interna fino ad arrivare alle macchine agricole (come i trattori stretti) e alle macchine per la raccolta del cotone. Tutti i motori che rientrano nel campo di applicazione del regolamento dovranno soddisfare i medesimi requisiti, indipendentemente dal tipo di carburante, in modo da rilanciare la ricerca e l’innovazione nel settore di questi motori.

“Abbiamo reso più stringenti i limiti proposti dalla Commissione per molte gamme di potenza” ha dichiarato Elisabetta Gardini. “Ma abbiamo mantenuto l’approccio abbastanza ragionevole da consentire all’industria – e in particolare alle piccole imprese, che sono la spina dorsale della nostra economia – di adattarsi al nuovo quadro normativo in tempi brevi e senza vincoli impossibili da rispettare: questo era l’obiettivo più importante.”

“Allo stesso tempo, il nuovo regolamento è molto ambizioso anche in termini di tutela ambientale. A partire dal 2019 per le macchine mobili non stradali l’Europa avrà i limiti di emissione più severi del mondo. Gli altri due mercati regolamentati, Giappone e Stati Uniti, sono in ritardo rispetto a noi”, ha concluso l’On. Gardini.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

Parlamento europeo

Audizione dei balneari in Commissione Petizioni del PE, si apre una nuova fase

Bruxelles, 22 febbraio 2015. Federbalneari Italia riceve l’appoggio degli eurodeputati Lara Comi, Elisabetta Gardini e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi