Home | In Attualità | Primo Maggio: come è nata questa ricorrenza e perché
Primo-Maggio

Primo Maggio: come è nata questa ricorrenza e perché

Il Primo Maggio è comunemente conosciuto come il giorno in cui viene celebrata la festa dei lavoratori. Le celebrazioni avvengono in Unione europea, Russia, Ucraina, Cile, Cina, Svizzera, Messico, Brasile, Macedonia, Turchia, Albania. E ovviamente in Italia. Pochi sanno, però, che l’origine è tutt’altro che continentale, né tantomeno legata a un paese dalla fede comunista.

La sua origine va ricercata negli Stati Uniti, alla fine del Diciannovesimo secolo. L’anno è il 1884 e la città è Chicago. Non quindi la New York del 1911, non quindi la risposta al rogo della fabbrica di Triangle Shirtwaist , dove morirono 146 donne, italiane e ebree, perché chiuse dentro dai padroni.

Chicago, “macelleria del mondo” (per via dei mattatoi) e “granaio d’America” (per via delle praterie del Mid West), era in agitazione. Lo erano le migliaia di lavoratori immigrati che lavoravano in condizioni oggi non immaginabili: la media era tra le dodici e le sedici ore lavorative al giorno.
Il malcontento fu guidato dalla Federation of Organized Trades and Labor Unions, che volevano che dal 1 maggio del 1886 le ore lavorative fossero abbassate a otto, pena scioperi generali. Le tensioni tra padroni e operai salirono.

Nel febbraio 1886 i lavoratori della McCormick, importanti produttori di mietitrici meccaniche, iniziarono a scioperare, e in risposta i proprietari chiusero i cancelli e fecero entrare i “crumiri”. Il primo maggio manifestarono tra le 30 e le 40 mila persone, una folla consistente per l’epoca. Nei giorni successivi ci furono scontri tra operai dentro e fuori la fabbrica, e due morti, uccisi dalla polizia .

Gli scontri e le tensioni presto si diffusero in tutto il mondo, e le rivendicazioni furono fatte proprie e diffuse grazie all’impegno dell’Internazionale Socialista, che ufficializzò la festa durante la Seconda Internazionale a Parigi nel 1889. In Italia fu ratificata due anni dopo.

Durante il Fascismo, Mussolini soppresse la festa e ne istituì una alternativa: la Festa del lavoro italiano, celebrata il 21 aprile in coincidenza con il Natale di Roma.

La festa viene ripristinata nel dopoguerra, ma viene subito insanguinata. E’ il Primo Maggio del 1947 e a Portella della Ginestra, alle porte di Palermo, si compie una strage: il bandito Salvatore Giuliano e la sua banda uccisero undici dei duemila lavoratori in festa, e ne ferirono una cinquantina, sparando sulla folla.

In Italia, dal 1990, anno della sua prima edizione, la festa è diventata anche sinonimo di “concertine”. Organizzato dai sindacati CGIL, CISL e UIL, si svolge in piazza San Giovanni, e viene trasmesso in diretta sulla Rai.

Iscriviti alla Newsletter (16712)

Guarda anche...

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi in scena con Caravaggio al Teatro Sistina di Roma

“Caravaggio è doppiamente contemporaneo. È contemporaneo perché c’è, perché viviamo contemporaneamente alle sue opere che …

principesse-e-sfumature

“Principesse e Sfumature” in scena al Teatro Trastevere da giovedì 8 dicembre

Vincitore del Premio Comedy al Roma Fringe Festival 2016, Principesse e Sfumature di e con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

'

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi